Home

Era solo una 15enne quando munita di impermeabile giallo ha deciso di lottare per l’ambiente, mentre oggi Greta Thunberg si può definire un simbolo del suo tempo e di una generazione che sta sviluppando una sensibilità maggiore sul green.

L’attivista svedese conta sui social milioni di fedelissimi pronti a supportarla a ogni evento, primi fra tutti i Fridays for Future. Solo su Instagram la seguono più di 13 milioni di follower, su Facebook oltre 3 milioni e su Twitter 5 milioni. E anche il suo patrimonio, sebbene solo 18enne, non è da meno.

Fare una stima è un’impresa ardua, ma Greta già nel suo palmares tiene un documentario, libri e vari premi, poi devoluti in beneficenza. Il suo libro più famoso, “La nostra casa è in fiamme”, è diventato in pochissimo un best-seller. Al suo interno, oltre alle posizioni ambientaliste dei Thunberg, sono raccontati anche frammenti di quotidianità e la convivenza con la sindrome di Asperger, disturbo dello spettro autistico ad alto funzionamento diagnosticato a Greta quando aveva 13 anni.


Leggi anche: Temperature record, Greta Thunberg: “Questa ondata di caldo è solo l’inizio”


Il patrimonio di Greta è da capogiro

Nel 2020, in piena pandemia, è uscito il film “Io sono Greta”, che al botteghino ha incassato circa 360 mila dollari. Un documentario uscito in contemporanea anche su diverse piattaforme di streaming come Amazon Prime, che ha pagato una grossa cifra (indefinita) per i diritti.

Nel corso degli anni, diventando una vera icona ambientalista, la giovane svedese ha iniziato anche a guadagnare attraverso i tanti premi che le sono stati riconosciuti. Come lo Human Act Award da 100 mila dollari o il Gulbenkian Prize for Humanity da ben 1 milione di dollari.

Tutti soldi che Greta Thunberg, attraverso la sua Fondazione omonima, ha però devoluto in beneficenza, spesso raddoppiando le cifre. Greta senza accorgersene è divenuta un simbolo che con sé porta capitale. Un risultato che la fa diventare, a soli 18 anni, una delle donne più ricche under 20.

Il suo patrimonio netto si aggirerebbe intorno a 1 milione di dollari. Ma si tratta di una sola stima che prende in considerazione la sua attività come autrice di libri, il suo seguito sul web e il successo del suo film. La realtà potrebbe dunque essere molto diversa, contando quanto la giovane investe sulle cause benefiche dedicate all’ambiente.


Leggi anche:

“Ripuliamo insieme Monte Pellegrino”, l’idea dei Badaboom: quando e come partecipare- VIDEO


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata