Home

L’artista

Un sovversivo, un anarchico, un artista controcorrente, un ciarlatano, un rivoluzionario, uno sconosciuto che si cela dietro al mistero, uno street artist, un attivista, un ribelle, il nuovo Batman dell’arte… è stato definito in mille modi, è stato etichettato con i più variopinti appellativi, lo si è criticato tanto e allo stesso modo apprezzato! Lui è Banksy, l’artista senza tempo!

È l’artista contemporaneo più famoso al mondo, eppure non si conosce, non si sa nulla o poco di lui, non si lascia vedere.

È come se dipingesse nella notte, lontano da occhi indiscreti, nel buio della sua solitudine, a manifestare il suo senso di arte per i muri degli edifici di una pallida Londra. La sua Arte, però, è un’arte senza spazio, un’arte senza tempo, in grado si superare barriere e confini per farsi sentire!

La sua arte urla senza parlare, potremmo dire, un ossimoro dell’Arte che rende però il suo stile, unico e irripetibile al mondo!

E così si è fatto strada, l’artista che è nato dalla strada e che si alimenta della strada per mettere in campo gli orrori di una società, di una politica, di una corruzione che divampa, di un’ingenuità che non riesce a farsi strada appunto in un mondo sempre più tetro, che commercializza e rende vendibile ogni cosa.

La sua Arte no! Non cede a tutto questo! La sua arte non si vende e non si compra, la si ammira e basta!

Sarà questo suo senso di ribellione e profondo senso del dovere dell’arte di esprimersi solamente con il senso estetico, che l’ha resa riconoscibile finalmente come “stile concettuale”.

Al cinema

Da qui, una pellicola diretta da Elio Espana, un docufilm sulla vita di un artista sconosciuto ma conosciuto a tutti attraverso la sua street art, il suo contesto sociale e culturale, nel quale lo stesso Banksy si racconta attraverso pennellate di colore che veicolano messaggi: “Banksy – L’arte della ribellione”, dal 26 al 28 ottobre.

La mostra

Intanto a Palermo è possibile anche visitare la la prima mostra interamente dedicata a Banksy in Sicilia “Ritratto di ignoto. Un artista chiamato Banksy” è. Sono oltre 100 i pezzi originali dell’artista che saranno esposti in città fino al 17 gennaio.

Le opere di Banksy, in prestito da importanti collezioni private, si dividono tra l’ex lazzaretto, poi orfanotrofio, il Loggiato San Bartolomeo, sito satellite della Fondazione Sant’Elia; e Palazzo Trinacria della Fondazione “Pietro Barbaro”, primo edificio palermitano nato come albergo, le cui stanze ospitarono Garibaldi e Tomasi di Lampedusa.



Quel genio di Bansky sbarca a Palermo. La prima mostra in Sicilia

Il nuovo lavoro di Banksy è un omaggio a George Floyd:

Banksy e l’omaggio a medici e infermieri, i nuovi supereroi nella lotta al Covid-19


Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata