Home

Quali sono le università che offrono più possibilità e prospettive di trovare lavoro? A mostrarlo uno studio pensato per gli studenti. Infatti è stato recentemente pubblicato il QS employability ranking 2022, ovvero la classifica che valuta le università di tutto il mondo in base all‘occupazione lavorativa e alle prospettive future.

Ben sei della migliori realtà al mondo che offrono un’ottima preparazione e maggiori chance di trovare lavoro sono italiane. La prima è il Politecnico di Milano, seguita dall’Alma Mater di Bologna e l’Università la Sapienza di Roma.

La classifica viene stilata ogni anno combinando cinque indicatori: la reputazione dell’ateneo presso i datori di lavoro; il tasso di successo degli ex alunni; le partnership con le aziende; la presenza di aziende nell’ateneo per reclutare studenti talentuosi; il tasso di impiego a 12 mesi dalla laurea.


Leggi anche: Sicilia prima per abbandono degli studi, gli studenti Unipa: “Vi spieghiamo perché”


Classifica dell’università italiane che danno più lavoro

Per quanto riguarda le università italiane in classifica, ottiene il 43esimo posto il Politecnico di Milano. Poi, l’Alma Mater di Bologna che si colloca al 97esimo posto come punteggio mondiale e 14esima nell’indicatore relativo alle collaborazioni con il sistema delle imprese. Segue la Sapienza di Roma che arriva fra le prime 120 al mondo.

Il Politecnico Torino si posiziona nella fascia 121-130 su quasi 700 istituzioni valutate. Per l’Università di Palermo la situazione è abbastanza stazionaria, almeno secondo il QS employability ranking 2022. Nel ranking mondiale risulta tra le prime 1.000. Inoltre secondo la classifica si trova in una posizione inferiore rispetto agli altri atenei siciliani, come l’Università di Catania e quella di Messina. Addirittura per il QS sarebbe solamente il terzo ateneo dell’isola.


Leggi anche:

“Vi spiego Excel”: tiktoker guadagna cifre astronomiche illustrando i fogli di calcolo


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata