Home

Un diciassettenne fiorentino ha avviato una causa per potersi vaccinare contro il Coronavirus. Ad essere contrari alla vaccinazione, i genitori del ragazzo, che ne ha parlato con i compagni di scuola e gli insegnanti.

Non ci sono alternative. Se voglio tornare a uscire, divertirmi, viaggiare, ma anche semplicemente frequentare i miei amici in sicurezza, devo vaccinarmi”. È quanto afferma un 17enne di Firenze che si è rivolto all’Ami, Associazione avvocati matrimonialisti, dopo che i suoi genitori, entrambi no vax, gli hanno negato il consenso alla somministrazione del vaccino anti-Covid.

La vicenda

Il ragazzo, frustrato dalla decisione dei genitori, decide di parlarne a scuola con i suoi insegnanti. Sono proprio loro, così come riporta Repubblica, a dare impulso all’intera vicenda, segnalandola ai servizi sociali. Questi, si rivolgono all’Ami, associazione che si occupa della tutela dei minorenni e della famiglia, per ricevere l’adeguato supporto legale.


Leggi anche: Stop alle mascherine all’aperto, il Cts dà l’ok tra le polemiche: ecco la data fissata


Il caso finisce in tribunale

Il giudice dovrà ascoltare i desideri espressi dal minore, ormai vicino alla maggiore età, applicando le disposizioni generali contenute nelle Carte Internazionali sui diritti dei fanciulli. L’auspicio è comunque quello di trovare una soluzione senza arrivare a coinvolgere il tribunale per i minorenni. “Ne parlerò con i genitori e cercherò di dissuaderli”, dichiara il legale del ragazzo.

Vaccinazione: figli minori vs genitori

Quello della “ribellione” del diciassettenne di Firenze non è il primo caso. A dirlo è il presidente Ami Toscana, Gianni Baldini: “Ci sono episodi in cui entrambi i genitori sono contrari, ma si configura anche la situazione per cui il minore, figlio di separati o divorziati, ottiene il consenso dall’uno e il parere contrario dall’altro”. Qualora il minore che voglia vaccinarsi riceva il rifiuto dei genitori, Baldini aggiunge che: “la miglior strada sarebbe quella dell’istituto scolastico o di un’altra istituzione vicina al minore, che potrebbe attivare il servizio sociale territoriale affinché avvii un ricorso innanzi al tribunale competente”, strada percorsa dal giovane fiorentino.

covid

Covid, Pregliasco: “Estate tranquilla, ma a fine stagione la variante Delta sarà ovunque”

stato di emergenza

Covid, quando finirà lo stato di emergenza in Italia? Speranza fissa la data

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata