Home

IL covid attacca anche i neuroni. Ad un anno dalla sua comparsa, il virus più famoso del momento continua a riservarci di continuo brutte sorprese.

Il covid può infettare anche le cellule nervose

L’ultima novità arriva da uno studio in base ai cui risultati il virus sarebbe in grado di infettare direttamente le cellule nervose.

Ciò impedirebbe il flusso sanguigno al cervello e porterebbe al conseguente danneggiamento del tessuto cerebrale. A esaminare le conseguenze dell’infezione da coronavirus sul sistema nervoso centrale sono stati un gruppi di ricercatori di Inserm, Ospedali universitari Pitié Salpêtrière, CNRS e Yale School of Medicine (Stati Uniti d’America).

Lo studio è stato effettuato su cellule staminali cerebrali coltivate in laboratorio, gli organoidi, e poi su topi geneticamente modificati e autopsie di individui deceduti a causa del covid.

Il covid attacca i neuroni. I neuroni però pare non vengano distrutti ma subiscano un cambiamento nel metabolismo, distruggendo le cellule cerebrali vicine privandole dell’ossigeno.

Sono stati riscontrati livelli elevati di cellule nervose infette nei topi positivi studiati. Livelli associati a cambiamenti significativi nel funzionamento dei vasi sanguigni che interrompono il flusso di ossigeno al cervello.

Secondo i risulati di questo studio, dunque, i sintomi neurologici osservati nel Covid (vertigini, confusione, ictus, coma…) potrebbero essere una conseguenza di questo danno diretto al sistema nervoso centrale.

Il covid può colpire altri organi

Già da qualche mese era stato riscontrato che il covid non dà solo crisi respiratorie, ma può anche colpire altri organi, tra cui il cervello. I sintomi neuropsichiatrici, se non valutati, possono trascinarsi anche per diversi anni.

Il fatto che altri organi, non solo i polmoni, possano essere colpiti dal covid, è ancora poco noto. Le ricerche scientifiche non hanno dato risposte certe. Pare però che possano essere bersaglio del virus anche il cuore, l’intestino, la prostata (15-20 per cento dei casi), il sistema nervoso centrale e quello periferico.

E potrebbe anche essere questo il motivo per cui alcuni tamponi risultano negativi, perchè il virus attacca un organo diverso da quello respiratorio.


Leggi anche:

Variante brasiliana Covid sfugge a difese e preoccupa gli esperti. Ecco la spiegazione

Covid. Un vaccino jolly contro future pandemie


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata