Il decreto “Cura Italia” contiene molte misure per fronteggiare l’emergenza dovuta al Covid-19. Molte di questi provvedimenti anche scuola, ricerca e università. Ecco le novità più importanti.

Validità della didattica a distanza per il conseguimento di CFU

Nel testo del decreto viene confermata la validità della didattica a distanza. Infatti, qualora l’Università sia in grado di sostituire i corsi frontali con iniziative a distanza, in questo caso (a differenza di altri corsi privati) il decreto cura-Italia (art. 101, 5 comma) ha espressamente stabilito che le attività formative svolte a distanza sono valide ai fini del computo dei crediti formativi universitari, previa attività di verifica dell’apprendimento nonché ai fini dell’attestazione della frequenza obbligatoria. Dunque, se l’ente universitario fornisce servizi adeguati, il consumatore non può opporsi alla prosecuzione del contratto e quindi ai relativi oneri.

Slittamento dell’ultima sessione di laurea

Con questo decreto viene finalmente ufficializzato lo slittamento dell’ultima sessione di laurea dell’anno accademico precedente al 15 giugno 2020, permettendo così agli studenti di non risultare fuori corso qualora non si siano laureati. Inoltre viene confermata l’entrata in vigore dell’abilitazione medica senza la prova scritta. Si tratta di due misure importanti, frutto delle interlocuzioni che abbiamo avviato con il Ministro nelle ultime settimane, e che permetteranno di tutelare le studentesse e gli studenti laureandi e coloro che intraprenderanno il percorso di formazione in medicina.

Laurea abilitante di Medicina

In particolare sull’abilitazione medica si tratta di un intervento molto richiesto. Una laurea realmente abilitante che permetta di cominciare a esercitare la professione subito dopo la laurea. Oggi, in mezzo a una situazione emergenziale di carenza di organico che perdura da ben prima dell’epidemia di coronavirus, è un risultato importante, ma rimane aperta la partita sulle assunzioni stabili e sulla copertura delle borse di specializzazione.

Condividi

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata