Home

Furto tra le vie di Unipa. Ad essere rubati due computer al dipartimento di Scienze psicologiche. Due persone sono entrate nell’edificio 15 di viale delle Scienze, nella notte tra martedì e mercoledi, e dopo aver girovagato per i vari piani si sono fermati al secondo. Lì hanno sfondato una porta e sono entrati in un ufficio amministrativo.

Una volta presi i due pc fissi sono usciti e, durante la fuga, hanno abbandonato i monitor nel parchetto vicino all’ex facoltà di Lettere. Sull’episodio indagano gli investigatori del commissariato Porta Nuova intervenuti la stessa notte.

Ad accorgersi del furto sono state le guardie giurate durante un giro di perlustrazione lungo viale delle Scienze. Dal successivo sopralluogo è emerso che i ladri sarebbero entrati prima in un’aula multimediale al primo piano, piena di computer, senza però toccare nulla.



Leggi anche: Dottorandi e il precariato, oltre il 40% soffre di depressione: “Non riusciamo a sostenere una spesa imprevista”


Furto a Unipa, è caccia ai vandali

Poi avrebbero raggiunto il secondo piano e avrebbero forzato una porta prendendo i primi computer capitati sotto mano, due vecchi modelli di poco valore, prima di sbarazzarsi, anche per “comodità”, degli schermi.

Insieme agli agenti del commissariato Porta Nuova è intervenuto anche il personale della Scientifica che ha acquisito le immagini riprese dalla videosorveglianza ed eseguito i rilievi alla ricerca di impronte digitali o altro di utile per le indagini. Il furto è coperto dalla polizza assicurativa stipulata da Unipa.

Il dipartimento ha le idee abbastanza chiare sull’accaduto, tanto da raccontare al sito cittadino Palermo Today: “E’ più il fastidio che il danno. Fortunatamente non c’erano informazioni sensibili e non si perderà nulla visto che ormai si lavora con il cloud. Dispiace constatare quanto la miseria riesca a creare spazi per la microcriminalità“.


Leggi anche:

Mark Challenge

Orgoglio Unipa, team di studenti vince il ‘Mark Challenge’ a Montecarlo: “Risultato brillante


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata