Home

Il reporter americano e film-maker, Brent Renaud, 51 anni, è stato ucciso dalle armate russe a Irpin, vicino a Kiev. Un altro giornalista, suo collega, è rimasto ferito.

La ricostruzione dei fatti

Secondo le prime ricostruzioni, Renaud e il collega stavano filmando i profughi in fuga da Irpin quando sono stati colpiti da colpi di arma da fuoco ad un checkpoint. Renaud è stato colpito al collo ed è morto all’istante, mentre il collega è stato trasferito in ospedale. È proprio quest’ultimo a raccontare nel dettaglio quei drammatici momenti.

“Stavamo attraversando il primo ponte a Irpin con altri colleghi, per filmare i rifugiati in fuga. Si è avvicinata un’auto che ci ha chiesto se volevamo andare con loro per passare il secondo ponte, abbiamo superato il checkpoint e ci hanno sparato contro. Brent è stato ferito e lo abbiamo dovuto lasciare indietro per fuggire. Sono stato portato qui da un’ambulanza. Ho visto che gli hanno sparato al collo“.


Leggi anche: Ucraina, la Russia è pronta a disconnettersi da Internet: il folle piano per “isolarsi” dal mondo


Ucciso reporter americano: la risposta degli USA

La notizia dell’uccisione del giornalista “è orribile e scioccante”, spiega il Consigliere per la sicurezza Usa, Jake Sullivan. “Seguiremo questo ultimo sviluppo molto da vicino e risponderemo in modo proporzionale”, ha aggiunto Sullivan.

Russia

Ucraina, la Russia stila la lista dei “Paesi ostili”: c’è l’Italia – LE CONSEGUENZE

Russia, Anonymous svela il piano di invasione di Putin: “Guerra decisa il 18 gennaio”– FOTO

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata