Home

Da settimane il racconto di Jp Livingston sta facendo il giro del mondo: “Sono andata in pensione a 28 anni con 2 milioni di dollari”. Fa quasi impressione sentirlo dire, sapendo che la maggior parte di esseri viventi la pensione neanche la vedranno con il binicolo dell’opera, ma è così.

La carriera della giovane è durata solo 7 anni. Anni di lavoro duro, ma i più brevi della storia recente. Allora, adesso, ha deciso di regalare i segreti del suo successo ai suoi lettori su The Money Habit.

I miei genitori erano poveri, siamo cresciuti in otto vivendo tutti nella stessa stanza. Buoni pasto per i poveri. Ci dicevano sempre che eravamo degli sguatteri”, raccontà così il suo passato la precoce pensionata.

Quando era bambina, i suoi genitori la esaltavano sempre alla libertà finanziaria, e cosa uno dovesse fare per raggiungerla. E lei ha seguito solamente gli sproni dei suoi genitori.

Ecco i consigli di JP Livingston

Devi sforzarti sopra la media

“Sembra ovvio, questo è in realtà un pensiero rivoluzionario. Se vuoi andare in pensione presto ed essere più benestante, dovrai impiegare delle strategie che la maggior parte dei tuoi amici non conosce. Investire i soldi in modo diverso. Vivere in modo diverso”. Anche se con questo consiglio la guru della ricchezza ci dice veramente poco.

Investire al meglio i propri soldi per Jp

“Tra commissioni e performance, è molto probabile che spostare i tuoi soldi da un fondo attivo a uno passivo possa farti guadagnare il 2% in più.”, scrive Jp Livingston.

E poi afferma: “Ti rendi conto che aver investito 200 mila dollari in un fondo con costi di commissione bassi piuttosto che in uno con costi più elevati, secondo la performance storica, ti avrebbe fatto incassare 600mila dollari in 20 anni? Non ci sono degli straordinari da fare – basta un’ora o due per fare una ricerca e per scegliere. Sono 600 mila dollari per due ore di lavoro. Lo sforzo giusto fatto oggi, può fruttare un guadagno a sei cifre in futuro”.

In pratica per far fruttare bene il nostro albero dobbiamo puntare bene il nostro seme, ma già c’era una canzone delle elementari che diceva questo.

Fare lavoretti extra dopo il lavoro

Questo è un altro consiglio che dà la guru Jp. Anche se già la maggior parte dei giovani fa 5 lavori contemporaneamente e guadagna quanto i bambini nelle fabbriche di tessuti nel terzo mondo. Per l’esperta sarebbe utile impegnarsi nella propria passione con dei lavoretti extra.

“Anche se alcune attività sono più redditizie di altre, ci sarà almeno un’opzione che collima con i tuoi interessi e le tue capacità che potrebbe farti guadagnare da 20mila fino a 50mila dollari all’anno impegnando soltanto il tempo libero”, dichiara la giovane americana.

I soldi generano soldi per Jp

“Semplice. Inizia a segnarti regolarmente le tue entrate, le tue spese e il tuo guadagno netto”, questo è il consiglio principale della guru.

“Se pensi a qualunque cosa interessante che hai fatto, probabilmente c’era un modo per misurare i tuoi progressi. Quanti goal hai segnato. Quanto tempo ci hai messo per risolvere un problema. La gestione delle tue finanze non è diversa. Tu migliori le cose che misuri. Devi essere in grado di registrare i tuoi guadagni, le tue spese, e la tua ricchezza netta. Deve sbatterti in faccia ogni giorno. Una volta che inizi a vedere questi parametri fondamentali che migliorano regolarmente, sarai spronato a buttarti a capofitto nei dettagli e a trovare opportunità per migliorare più velocemente”.

Insomma i consigli di Jp Livingston sono utili quanto i consigli di un normalissimo commercialista. Forse nella sua storia si è anche verificata la cosiddetta botta di fortuna, perché i consigli che dà non offrono nessuna formula magica.

Questo è comunque il suo blog: The Money Habit.


Turisti Usa si vaccinano contro il Covid e prenotano un tour a Palermo

Università, gli studenti fanno videolezione con il prof morto nel 2019


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata