Home

La vita ormai è una questione di filtri. Da poco in voga è arrivata l’app che ti trasfoma in uno dei personaggi Pixar e ti catapulta nel suo magico mondo. In pochi istanti si riesce a diventare, o almeno sembrare, come i meravigliosi protagonisti di Toy Story, degli Incredibili, del recentissimo Soul e tanti altri.

Il suo nome è ToonMe, è scaricabile da smarthphone e tablet. Basta andare su Play Store per Android e su Apple Store per il sistema IOS. L’applicazione non è di recente uscita, ma sembra stia avendo un sacco di successo per qualche condivisione tra i social, i primis Instagram e Tik Tok.

In pratica ToonMe è il diretto rivale di FaceApp. O almeno una sua versione più animata, colorata e cartoon.  Il suo nome si ispira alla challenge che circa un anno fa impazzava tra grafici, illustratori, amanti del genere animato, designer e consisteva nel ritrarsi nel loro stile di disegno.

A differenza di quanto accadeva con la challenge FaceaApp di un anno fa, ToonMe coinvolge tutti e permette in modo semplicissimo e automatizzato di ottenere in pochissimo tempo il proprio simpaticissimo ritratto. Questo ne spiega il successo. Ma qualcuno non ha esitato a sollevare anche qualche dubbio sulla privacy.

A differenza di app simili, come il popolarissimo FaceApp, infatti, l’informativa sulla privacy di ToonMe non fornisce alcuna informazione su dove si trovino i server sui quali vengono salvati i dati e a quale tipo di piattaforma l’app si affidi per elaborarli.

Ecco come funziona l’app che ti trasforma in un personaggio Pixar

Il funzionamento dell’app: dopo aver scaricato il contenuto, si può provare per tre giorni gratuitamente. Dopo costa circa 5 euro al mese. Per mettersi all’opera basta caricare una foto o scattarne una nuova. In poco tempo avrete la vostra versione cartone animato in diversi stili, tra cui quello della Pixar.


Instagram fa un passo indietro. Torna il contatore like, ecco come attivarlo

Porta il marito al guinzaglio per eludere norme covid


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata