Home
Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di Younipa.it

Fimmg Formazione Sicilia condivide la nota inviata dai vincitori del concorso del Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale (CFSMG), Triennio 2019-2022 e ne sostiene le richieste, per altro da noi già inviate all’Assessorato alla Salute, al DASOE una settimana addietro.

“In Sicilia, ad oggi, non sono state avviate le procedure da parte dell’Assessorato della Salute per permettere ai medici vincitori del concorso in medicina generale (triennio 2019/2022) di ufficializzare la loro volontà di partecipare al Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale, sottoscrivendone l’accettazione: di fatto quindi il triennio 2019/2022 in Sicilia non risulta ancora istituito” a denunciarlo, a seguito di una nota inviata da un nutrito gruppo di vincitori di concorso, è la Fimmg Formazione Sicilia che in un comunicato stampa spiega il grave vulnus che questo ritardo causa, non solo ai vincitori di concorso ma al sistema della medicina territoriale siciliana.

“In alcune Regioni d’Italia – afferma Angelo Casano, Segretario Regionale Settore Fimmg Formazione Sicilia – si è già proceduto con l’invio delle PEC ai vincitori di concorso per  l’accettazione della borsa, così come previsto dall’articolo 11 del bando di concorso CSFMG 2019/2022.

Il ritardo accumulato dalla Sicilia invece comporta dei gravi danni per i vincitori di concorso, in primo luogo l’impossibilità di ottenere lo status giuridico di corsista iscritto al CFSMG e di tutti gli atti consequenziali quali ad esempio: mancato passaggio in fascia di priorità per gli incarichi di sostituzione di Continuità Assistenziale prevista per i medici corsisti di Medicina Generale; mancata possibilità di partecipare all’assegnazione delle zone carenti della Medicina Generale per l’anno 2020, (pubblicate in gazzetta il 24 Aprile c.a. e il cui termine ultimo per poter partecipare scade il 13 Maggio p.v.).

“La mancata possibilità per i vincitori di concorso di ottenere lo status giuridico di corsista iscritto al Corso di formazione specifica in Medicina Generale comporta non solo un danno per i medici stessi (per i motivi di cui sopra) – tiene a precisare Angelo Casano – ma anche un potenziale danno per la popolazione poiché in termini di assistenza sanitaria territoriale, alla luce dei medici disponibili e del numero dei posti carenti pubblicati (167 di Continuità Assistenziale e 248 di Assistenza Primaria) fa sì che sia molto probabile la mancata assegnazione di alcune zone carenti soprattutto periferiche, o che si trovano in aree oro-geograficamente difficili dove la mancanza di assistenza diventa particolarmente penalizzante per la collettività.

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.