Home

Muore di Covid a soli 20 anni. La studentessa Altynay Rakhimova aveva lasciato l’Italia e Cassino, la città in provincia di Frosinone dove studiava, nonostante la pandemia, per tornare in Kazakistan e dare assistenza ai genitori che avevano contratto il Covid.

Altynay Rakhimova era una studentessa iscritta al corso di laurea triennale in Economics and business. Non ce l’ha fatta. Se n’è andata lo scorso luglio insieme ai genitori. È sopravvissuto solo il fratellino di soli 10 anni.

Per questo motivo il consiglio di corso in Economia e commercio ha ritenuto doveroso richiedere il riconoscimento della laurea alla memoria. L’ateneo è certo che Altynay, grazie alle sue numerose qualità e alla voglia di studiare, avrebbe portato pienamente a termine il percorso universitario. 


Leggi anche: Natale 2021, tornano i classici Disney: la programmazione completa


l’Università conferisce la laurea a Altynay

Immatricolata a gennaio 2021, solo nel mese di giugno era riuscita ad acquisire 24 crediti. Altynay si era anche ben integrata nella comunità universitaria degli studenti internazionali. Il Dipartimento di Economia e Giurisprudenza, presieduto dalla professoressa Enrica Iannucci, ha accolto la richiesta e votato all’unanimità il conferimento, che è stato poi definitivamente approvato dal Senato accademico.

La cerimonia per il conferimento della laurea in Economia e Commercio alla memoria di Altynay Rakhimova si terrà giovedì 2 dicembre alle 10,30 presso l’aula magna del campus Folcara, alla presenza del Magnifico Rettore Marco Dell’Isola, del sindaco di Cassino Enzo Salera e della comunità accademica tutta, che si stringerà attorno alla famiglia per mandarle questo piccolo segnale di affetto. Assisteranno alla cerimonia, in collegamento streaming, gli zii e il fratellino.


Leggi anche:

Università, tasse alle stelle: quanto spende in media uno studente Unipa – FOTO


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata