Home

Una 17enne musulmana di origini bosniache si è innamorata e si è fidanzata con il suo vicino di casa, serbo cristiano.

Per punirla del gran torto, i suoi genitori, lo zio e la zia, le hanno rasato la testa. Succede non in un remoto villaggio della ex Jugoslavia ma a Besancon, nell’Est della Francia.

E i responsabili, accusati anche di violenza contro la minore, saranno giudicati da un tribunale di Strasburgo.

“Rasata e picchiata perché amava un cristiano. Profondamente scioccato da questo atto di tortura su questa ragazza di 17 anni”, ha denunciato su Twitter il ministro dell’Interno, Gerald Darmanin.

“Questa barbarie richiede la punizione più severa”, ha aggiunto. La polizia ha arrestato tutti i membri della famiglia coinvolti. Sono ora in libertà vigilata con il divieto di contattare la ragazza, che è stata posta sotto protezione. Non sanno dove si trovi. Saranno processati per “violenza su minori”

Leggi anche:

Sanità, in Sicilia il primo trapianto di utero in Italia

Appello del virologo Crisanti: “Servono 300 mila tamponi al giorno”

Se Studente è positivo tracciamento e quarantena: ecco le linee guida dell’ISS

TUTTE LE OPPORTUNITA’ DI AGOSTO 2020: CONCORSI, BONUS, TIROCINI RETRIBUITI ECC.

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

1 risposta

  1. Avatar
    Giovanni

    L’unica speranza è il dialogo costante, serrato dei popoli di varie religioni finalizzato alla
    condivisione dei valori di amore e fratellanza universale che superano steccati e barriere.
    Le Religioni tutte devono essere fonti di amore universale e devono concorrere al progresso spirituale della persona.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata