Home

Che sia con sciroppo d’acero, stile “America” o con golosa colata di miele o crema alle nocciole, il pancake è entrato anche nella nostra cultura e cucina.

Infatti oggi è uno dei dolci più consumati, soprattutto durante la colazione. Magari associato ad un bel bicchiere di latte proteico o con un semplice caffè.

Questa moda però è diventata così abituale, soprattutto tra giovani e famiglie con bambini, tanto che oggi si celebra la Giornata dedicata, anche in Italia.

Il pancake, il dolce da lockdown

Secondo una ricerca Nielsen, gli italiani sembrano aver preso l’abitudine della colazione.

Molti infatti, associavano questo momento ad un rito con colleghi, poco prima di iniziare a lavorare o ad una breve pausa dopo qualche ora di lavoro.

Con il lockdown è ovvio che questa sana e piacevole abitudine è venuta purtroppo a mancare.

Quindi, se colazione deve essere, ci si sbizzarrisce a casa.

Nonostante tutto in molti, oltre 4 milioni, soprattutto giovani e famiglie con bambini, portano a tavola un piatto di pancake per una colazione all’insegna della creatività e della convivialità.

Anche l’Italia si è lasciata conquistare da questo dolce

4 italiani su 10, infatti (43%) hanno dichiarato di aver consumato pancake almeno una volta, soprattutto a casa (84%).

Rigorosamente Italian style, il pancake a colazione ma anche durante la merenda pomeridiana preferisce esclusivamente l’utilizzo di ingredienti dolci e la frutta: creme spalmabili al cacao, cioccolato o alla nocciola, confetture e marmellate, sciroppo d’acero nella versione del Nord America e miele. Solo in pochi hanno avuto, infatti, il coraggio di provare questo soffice dolce con tanto di uova strapazzate e bacon.


Leggi anche:
Pasta alla Norma, patrimonio dell’Unesco


Condividi
Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata