Home

Sarà ancora un altro Ferragosto di restrizioni. Forse. Per predisporre tutte le attività di vigilanza e di difesa dal contagio, il prefetto di Palermo Giuseppe Forlani ha convocato una riunione con le forze dell’ordine, i vigili del fuoco, la capitaneria di porto e gli amministratori locali dei comuni litoranei della provincia.

Tra i temi principali legati alla notte tra il 14 e il 15 agosto ci sarà la salvaguardia del territorio. Massima attenzione verrà rivolta a tende, falò, in special modo dopo l’emergenza incendi. A dare il proprio supporto saranno tutti gli organi interessati: dai sindaci, passando per i sanitari, alle forze dell’ordine.

In questo Ferragosto targato 2021 si aggiungerà il green pass. Infatti sembra che le forze dell’ordine e il sistema sanitario vogliano premere su un uso del sistema verde. In particolar modo per i locali al chiuso che saranno attivi economicamente durante la notte più movimentata dell’estate italiana.


Leggi anche: Ci sono lauree inutili? Lo studio: “La laurea in Lettere frutta quanto quella in Informatica”


Palermo e dintorni, verso un altro Ferragosto di restrizioni

Inoltre i vigili del fuoco siciliani, che in questi giorni hanno affrontato la lotta agli incendi principalmente dolosi, continueranno a sorvegliare sul pericolo rappresentato da tutti i possibili inneschi di incendi, come sterpaglie o rifiuti abbandonati. Anche i sindaci daranno i loro contributo. L’anno scorso, sempre per Ferragosto, alcuni primi cittadini hanno deciso di mettere in atto alcune restrizione specifiche, come ad esempio a Campofelice di Roccella.

Gli sviluppi in merito a ciò che sarà il Ferragosto 2021 non si conoscono con certezza. Ma vedranno al centro due paure principali: quella del Covid, combattuta da quasi due anni, e quella degli incendi, che sta spaventando gli italiani in una delle estati più caldi di sempre.


Leggi anche:

clima

Clima, Onu: “Il tempo per fermare la catastrofe sta finendo, poi sarà troppo tardi”


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata