Home

Dieci città italiane illuminano i loro monumenti simbolo per la Giornata Mondiale del Rifugiato. Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Milano, Napoli, Palermo e Torino questa notte daranno espressione luminosa alla solidarietà con le oltre 82 milioni di persone nel mondo che sono stati costretti a fuggire da guerre, violenze e persecuzioni, lasciando i propri affetti, la propria casa e la loro vita per cercare salvezza altrove.

Dal crepuscolo il Teatro delle Muse ad Ancona, la Fontana monumentale di Piazza Moro a Bari, Palazzo Re Enzo a Bologna, il Bastione di Saint Remy a Cagliari, il balcone principale di Palazzo degli Elefanti a Catania, Torre San Niccolò a Firenze, Palazzo Marino a Milano, il Maschio Angioino a Napoli, Teatro Massimo a Palermo e la Mole Antonelliana a Torino, si tingeranno di blu per promuovere la campagna Insieme possiamo fare la differenza – Together we can do anything lanciato dall’Unhcr, agenzia Onu per i rifugiati.

“I Comuni in Italia si trovano in prima linea nell’accoglienza e nell’integrazione dei rifugiati – ricorda Chiara Cardoletti, rappresentante dell’Unhcr per l’Italia, la Santa Sede e San Marino – offrono sicurezza e rifugio, dando loro in molti casi supporto nelle procedure amministrative, consentendo l’accesso ai servizi locali, facilitando l’inserimento scolastico e promuovendo programmi per l’inserimento lavorativo”.

Leggi anche:

Etna

L’Etna torna a “ruggire”, eruzione con colata lavica e pioggia di lapilli: aeroporto chiuso

Un weekend a Favignana tra mare, tufo, buon cibo e tramonti da urlo

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata