Home

Fino al 28 agosto, solo il venerdì e il sabato, dalle 19.00 alle 23.00, sarà possibile visitare uno dei luoghi più attrattivi del centro storico di Palermo: la Chiesa e le terrazze del Monastero di Santa Caterina.

Il festival RestART

Torna a Palermo RestART, il festival che apre in notturna alcuni tra i siti culturali più belli e magici della città. Tra i vari luoghi visitabili al chiaro di luna, anche la cupola di Santa Caterina d’Alessandria, situata nel cuore del centro storico, di fronte alla Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio e la Chiesa di San Cataldo, entrambe inserite nel patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Un po’ di storia

Costruito agli inizi del 1300, l’edificio serviva inizialmente ad ospitare donne meretrici. Tra il 1566 e il 1596, l’intero complesso divenne uno dei più importanti monasteri di clausura di Palermo. Sempre in quegli anni, per volontà di Suor Maria del Carretto, la chiesa viene ricostruita ed abbellita in stile barocco. Dal 2014 il monastero di Santa Caterina non accoglie più le monache dell’Ordine Domenicano e l’intera struttura è affidata alla Curia palermitana.


Leggi anche: Sicilia, la zona gialla è (quasi) inevitabile: ecco la data del passaggio e i divieti previsti


La cupola

La Chiesa è dominata dalla sua ampia e imponente cupola, aggiunta successivamente, e realizzata circa nella seconda metà del XVIII da Francesco Ferrigno. I meravigliosi affreschi con il “Trionfo dell’Ordine domenicano” e nelle vele con “L’Allegoria dei Quattro Continenti” sono invece opera di Vito d’Anna, mentre la volta del presbiterio venne dipinta da Antonio e Paolo Filocomo con “L’Esaltazione dell’Eucarestia“.

La vista mozzafiato

Dalla cupola di Santa Caterina è possibile ammirare Palermo con uno sguardo a 360 gradi su chiese, palazzi, cupole e campanili che dominano la città: dalla cupola di San Giuseppe dei Teatini a quella del SS. Salvatore sul Cassaro, dalla facciata di San Domenico ai campanili di Sant’Ignazio all’Olivella dei Filippini, fino a scorgere i tetti del Teatro Massimo. Un panorama che non può che lasciare il il visitatore incantato davanti a cotanta bellezza.

Gli ingressi

Gli ingressi sono contingentati per via delle normative anti-Covid, ogni 30 minuti. È possibile prenotare il proprio ticket online sul sito della manifestazione (al costo di 3 euro), oppure direttamente sul posto (al costo di 4 euro) a partire dalle ore 18.00. Per chi voglia pagare in contanti da casa, è anche attivo il delivery ticketing. Basterà inviare inviando una mail a [email protected] e il recapito del biglietto a domicilio (con 1 euro aggiuntivo).

Palermo, riaprono i Giardini d’Orleans tra incanto e bellezza: modalità e orari

cassaro

Rivoluzione al Cassaro di Palermo, da Ztl a zona pedonale: cosa prevede l’ordinanza

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata