Home

“C’è una supergnocca”. Il prof di odontoiatria dell’università di Bari rischia una diffida per le offese durante un esame online.

Parolacce, insulti, espressioni volgari ed apprezzamenti a studentesse durante la seduta d’esame online. Il tutto registrato per filo e per segno in diretta.

Il protagonista della vicenda è il docente di Odontoiatria dell’Università di Bari e direttore del reparto di Chirurgia maxillo-facciale all’ospedale Miulli di Acquaviva, ignaro probabilmente di essere ascoltato.

“Quanto mi sta sul c…questa qua”, le parole proferite ad una studentessa che sta per affrontare l’esame. “Che giramento di c….”, “Questi raccomandati, politicizzati”, gli insulti sono rivolti anche ai rappresentanti degli studenti e ai dipendenti amministrativi.

Non manca neppure l’apprezzamento ad una studentessa. Quando vede il profilo, registrato sulla piattaforma, della candidata che sta per affrontare la prova, il professore esclama: “C’è una supergnocca qui”.

La protesta degli studenti

I rappresentati degli studenti hanno preso carta e penna e hanno denunciato l’episodio ai vertici dell’ateneo e del corso di laurea e ora il professore rischia una diffida. “Questo atteggiamento è oltraggioso, non solo durante una prova di esame, che è il momento di massima verifica degli apprendimenti, ma anche nei confronti dell’istituzione accademica tutta”, si legge nella missiva.

Il docente per 7 anni inoltre non avrebbe mai tenuto lezioni e presenziato agli esami. “Riteniamo inaccettabile la sua inadempienza ai doveri didattici, rivelando al contempo una condotta irrispettosa rispetto al diritto di apprendimento degli studenti e a quello di non essere offesi in una sede istituzionale”, concludono gli studenti.  Al momento la facoltà di Medicina ha deciso solo di diffidare Cortellazzi a non ripetere più episodi di questo tipo.

Muore improvvisamente Jole Santelli, presidente della Regione Calabria

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata