Home

Altra onorificanza a Unipa. Il professore Giovanni Grasso, docente di Neurochirurgia del Dipartimento Biomedicina, Neuroscienze e Diagnostica avanzata e responsabile dell’Unità operativa di Neurochirurgia oncologica del Policlinico Paolo Giaccone, ha ricevuto il prestigioso riconoscimento “Paladini Italiani della Salute”.

L’onorificenza ha premiato l’impegno di Grasso a tutela della salute pubblica. Il professore ha conseguito il riconoscimento presentando i risultati di un recente studio scientifico volto a caratterizzare l’espressione dell’eritropoietina. E inoltre del suo recettore nei tumori cerebrali umani. Nonché l’effetto della sua somministrazione in un modello sperimentale di tumore cerebrale.


Leggi anche: Unipa potrebbe produrre vaccini anti-Covid, Midiri: “Noi siamo pronti”


Prof Unipa proclamato Paladino della Salute

Lo studio, condotto da un team composto da ricercatori Unipa e di altri atenei italiani, ha trovato lustro sulla rivista scientifica internazionale World Neurosurgery. Il premio è stato consegnato dalla presidente dell’associazione Liber, Verdiana Dell’Anna, dal presidente del Comitato d’Onore, giudice Aldo Carosi, dal presidente del Comitato scientifico, Walter Ricciardi, e dall’editore Riccardo Dell’Anna. La cerimonia si è svolta a Roma nella sala della Protomoteca del Campidoglio.

“L’attività scientifica e clinico-terapeutica portata avanti dalla Neurochirurgia del Policlinico Universitario di Palermo – dichiara Grasso – si conferma all’avanguardia nel trattamento dei tumori cerebrali. L’utilizzo integrato di metodiche più innovative, tra cui la risonanza magnetica funzionale, l’imaging tumorale intraoperatorio tramite la fluorescenza e il mapping cortico-sottocorticale, permettono la resezione dei tumori cerebrali nel rispetto delle funzioni neurologiche. Con l’obiettivo di migliorare la sopravvivenza dei pazienti”.


Leggi anche:

Consegna la tesi, ma un incidente gli ruba la vita: l’Università conferisce la laurea a Manuel


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata