Home

Sabato 16 febbraio, presso l’Aula Consiglio della facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Palermo, si è svolto il confronto pubblico «Quale futuro per l’Università statale e la ricerca».

L’incontro, al quale sono state invitate tutte le forze politiche, ha avuto l’obiettivo, a pochi giorni dalle elezioni nazionali, di analizzare la situazione nella quale versa l’università alla luce degli interventi legislativi degli ultimi anni e, contemporaneamente, ottenere risposte dai partiti sulle manovre e i provvedimenti che intendono adottare sul tema.

Al tavolo di presidenza gli organizzatori: Enrico Napoli, Pier Paolo Corso, Cinzia Cerroni, Marco Antonio Pirrone; per gli studenti, Carlotta Provenza, coordinatrice d’Ateneo della Rete Universitaria Mediterranea.

Promotori dell’iniziativa sono state le sigle sindacali Co.N.P.Ass., Uil Rua, Snals-Docenti, Cisl Università, And, Flc Cgil, e le associazioni universitarie Rum Rete Universitaria Mediterranea, MoSt, FareUniversità, UniXcento.

Tra le forze politiche che hanno risposto all’invito: Il Megafono, Movimento 5 Stelle, Fermare il declino, Sel, Pd, Udc, Fratelli d’Italia e Fli.

Hanno introdotto il dibattito il prorettore vicario prof. Vito Ferro e gli esponenti delle sigle sindacali. A seguire, il contributo dell’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale, Nelli Scilabra, che ha delineato il quadro degli interventi e dei contributi regionali che sono stati sbloccati e/o stanziati per l’istruzione pubblica, sottolineando inoltre l’esigenza di un più stretto connubio tra formazione e istruzione, in modo da attivare corsi di alta specializzazione in una prospettiva di crescita occupazionale. A tal fine, ha annunciato la creazione del sito “ilpalazzodivetroinfrangibile”, proprio per garantire la trasparenza di tutti quegli strumenti destinati ai giovani.

Dopo gli spunti introduttivi, Carlotta Provenza si è soffermata sul tema del diritto allo studio, analizzando l’assetto organizzativo dell’Università italiana, le sue possibile forme di finanziamento e la compartecipazione che essa ha con il territorio e il mondo del lavoro. Sono stati esposti all’uopo i dati, poco confortanti, relativi alle iscrizioni, all’offerta formativa e alla formazione post-lauream.

Pier Paolo Corso e Cinzia Cerroni, invece, sono intervenuti rispettivamente sui finanziamenti del sistema universitario e sull’autonomia, indipendenza e qualità della ricerca.

Alla fine di ogni intervento, sono state poste delle domande ai politici presenti, che hanno così esposto il loro programma in tema di istruzione pubblica.

Approfondimento: presentazione in PowerPoint dell’intervento di Carlotta Potenza.

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Avatar

Nato a Palermo, il 16 dicembre 1987. Iscritto alla Facoltà di Giurisprudenza, è presidente dell'associazione ContrariaMente-R.U.M. e da due anni rappresentante degli studenti in Consiglio di Corso di Laurea. Crede fermamente che l'Università debba essere vissuta a 360°, conciliando lo studio alle proprie passioni. Ritiene che non ci sia niente di più gratificante che lo spendersi per le proprie idee, confrontandosi continuamente con il mondo circostante.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata