Home

Era il 1976. In Italia si discuteva sul diritto all’aborto e sulla sua legge, che poi verrà approvata nel 1978, per cui ciascuna donna è libera di abortire nelle strutture ospedaliere abilitate. Oggi, malgrado siano passati quasi 50 anni, il tema è tornato di strettissima attualità dopo la scelta della Corte Costituzionale americana. Un fatto che racconta come nessun diritto deve essere preso per assodato.

A difendere a spada tratta il diritto di una donna ad abortire o a non abortire fu Oriana Fallaci, all’interno di una trasmissione televisiva. Solo l’anno prima, nel 1975, il suo libro Lettera a un bambino mai nato era diventato un caso letterario. E ancora oggi rimane uno dei libri italiani più letti di sempre. Quindi chi meglio di lei poteva dare un’opinione in merito.


Leggi anche:


Quando Oriana Fallaci difese il diritto all’aborto

In quel dibattito televisivo la Fallaci intervenne per quarta, dopo tre uomini. Fatto che certamente non la rese contenta, tanto che cominciò il suo intervento con: “Sono la prima donna a prendere parola, ma la quarta in generale. Prima di me hanno parlato ben 3 uomini. In questo dibattito siamo 6 uomini e 3 donne, sarebbe stato più corretto avere 6 donne e 3 uomini”.

Poi con un’interessante analisi la scrittrice fiorentina racconta l’ipocrisia dei politici che vanno contro l’aborto, perché ritenuta una pratica omicida, ma poi non provano freni nel mandare giovani verso la guerra.


Leggi anche:

Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata