Home

Tra caos di positivi e tamponi introvabili, la domanda può sorgere spontanea: dopo quanto tempo si deve fare il tampone rispetto a quando si è avuto un contatto con un positivo? A dare una risposta scientifica è stato il Servizio di Igiene e Sanita Pubblica del Dipartimento di Prevenzione del Nord di ATS Sardegna, attraverso il sito Today, che raccomanda a tutta la popolazione alcune semplici regole comportamentali.

Omicron è caratterizzata da un elevato indice di contagiosità, “seppure non in grado di provocare gravi manifestazioni cliniche nei soggetti vaccinati con 2 dosi (da meno di 180 giorni). O con ciclo completo di 3 dosi”.

Ecco l’elenco fornito:

  • In caso di comparsa di sintomi sospetti, similinfluenzali, evitare la corsa al test rapido. Ma adottare immediatamente comportamenti individuali di distanziamento mascherine FFp2, autoisolamento fiduciario, evitando di avere contatti. Soprattutto con persone fragili e di partecipare ad eventi o attività lavorative (RSA, Scuole) già prima della conferma diagnostica.
  • Informare il proprio medico curante che, qualora i sintomi fossero di un certo rilievo, attiverà le USCA per l’assistenza domiciliare.
  • Qualora il sospetto fosse confermato, anche solo con un test antigenico presso farmacia e laboratorio privato, comportarsi immediatamente come CASO COVID, SENZA ASPETTARE LA CONFERMA con tampone molecolare che non potrebbe, in questo periodo, essere garantito in tempi rapidi, con isolamento domiciliare.

Leggi anche: Un tampone e non per il Covid: novità sul Parkinson


Quanti giorni dopo il contatto con un positivo bisogna fare il tampone

  • I contatti del caso positivo,anche solo con antigenico, debitamente avvisati devono adottare misure di quarantena fiduciaria, anche prima che la stessa sia disposta ufficialmente dalla ATS, EVITANDO di ricorrere immediatamente al test antigenico, soprattutto se asintomatici, prima di 5/6 giorni dalla date dell’ultimo contatto con il positivo, comunicando immediatamente al proprio medico solo qualora dovessero comparire sintomi riconducibili alla infezione. Per i vaccinati con ciclo completo (tre dosi o due da meno di 180 gg): Non sono obbligati alla quarantena. ma devono adottare misure di autosorveglianza, utilizzando sempre i dispositivi adeguati (mascherine FFp2 e distanziamento sociale) quando in contatto con altre persone per motivi di lavoro. E inoltre evitando comunque rapporti con soggetti fragili o occasioni conviviali.
  • Evitare di sovraccaricare le linee telefoniche e le caselle email dei Sisp, perché quando il tampone è stato effettuato presso una farmacia autorizzata. La segnalazione viene registrata sulla piattaforma Regionale, così come per le segnalazioni dei Medici curanti.

Leggi anche:

Mascherine Ffp2, raggiunto accordo sul prezzo: ecco quanto costeranno


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata