Home

Essere irritanti, irriverenti e aggressivi non è di certo una colpa, secondo alcuni. “E’ il mio carattere. Sono fatto così”, quante volte ci sentiamo ripetere questa frase come giustificazione a comportamenti poco rispettosi e privi di tatto? La scienza ci aiuta a capire quanto siamo insopportabili o, viceversa, quanto troppo sopportiamo rispetto a quello che dovremmo.

Il questionario IDRLabs ci potrà aiutare a capire quali sono le caratteristiche che rischiano di renderci particolarmente difficili da sopportare o troppo indulgenti verso la gente irrispettosa.

Cosa cambierà dopo? Assolutamente nulla! Ma prendere coscienza di se stessi è comunque un primo passo per capire quanto avere a che fare con voi sia difficile per le persone che ci circondano.

Si tratta di un vero e proprio test scientifico, composto da 35 affermazioni, con le quali possiamo essere in accordo o disaccordo. Bisogna indicare quanto si ritengono veritiere le 35 affermazioni, selezionando tra cinque opzioni di risposta che vanno dal «per nulla d’accordo» al «totalmente d’accordo».

Le caratteristiche dell'”Insopportabilità”

Il test è stato redatto da un team di psicologi. Le 35 affermazioni che contiene, puntano a individuare 7 fattori principali che rischiano di rendere una persona insopportabile, o irritante, o comunque complicata da gestire nella quotidianità.

Le caratteristiche che analizza il test sono: l’insensibilità, la megalomania e l’aggressività, la tendenza a essere sospettosi, manipolativi, dominanti e spericolati.

Al termine del questionario, il sistema genera in automatico un grafico a diagramma circolare, che mette in evidenza quali sono i lati del nostro carattere che presentano le più evidenti spigolosità. Restituendo una percentuale che decreta sostanzialmente quanto si è insopportabili da 1 a 100.

Nell’ottica dell'”outing” condivido von voi il mio grafico:

La mia percentuale, come potete vedere, è molto bassa. Sono una persona piacevole e amabile, lo dice anche la scienza. Peccato che le persone che mi circondano spesso siano davvero arroganti e insopportabili. Quindi, a questo, punto il mio obiettivo per il futuro è diventare insopportabile, almeno a metà tra 1 e 100!

E voi? Siete curiosi di sapere quanto siete insopportabili? Vi consiglio di provare il test. Avrete una vera e propria diagnosi a livello clinico, e potrete magari regalarvi preziosi spunti di riflessione personale.

Attualmente il test è disponibile qui in diverse lingue, tranne l’italiano. Ma potrebbe essere anche un’occasione per testare il vostro inglese, o francese, o spagnolo!

L’unica cosa che vi si richiede è l’onesta! E poi, nel caso in cui il risultato fosse quello di un carattere davvero pessimo, mi raccomando, non prendetevela con gli altri, come vostro solito!


Leggi anche:

Aumentano i “no” alla donazione degli organi, i numeri che spaventano

Università, esami in presenza per evitare truffe


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata