Home

Da oggi in Sicilia ripartono le lezioni in presenza negli asili nido, scuole materne, elementari e medie. Le attività riprendono dunque al 100% fino alla fine dell’anno scolastico. Nelle scuole superiori lezioni in presenza dal 50 al 100% in base al colore del territorio.

Restano le preoccupazioni di sindacati e studenti che segnalano rischi, soprattutto in riferimento al tema dei trasporti.

Scuole superiori e lezioni in presenza in Sicilia

Per le scuole superiori, invece, l’attività in presenza varia in base alla classificazione del rischio sul territorio. Nelle zone “gialle” o “arancioni” è prevista l’attività in presenza per almeno il 70 per cento della popolazione scolastica, fino ad un massimo del 100 per cento.

Per la Sicilia fino al 30 aprile, a prescindere dalle zone di rischio arancione o giallo, gli istituti superiori possono adottare percentuali di presenza più basse rispetto alla percentuale compresa fra il 70 e il 100 per cento, ma senza scendere al di sotto del 50 per cento. Dal 3 maggio le lezioni in presenza potranno raggiungere la percentuale di presenza 70-100 per cento come previsto a livello nazionale. Queste percentuali dovranno tenere conto anche degli alunni portatori di disabilità o bisogni educativi speciali (Bes). In caso di zona rossa la percentuale di studenti ammessi in presenza negli istituti superiori si attesterà in Sicilia ordinariamente al 50 per cento. La circolare assessoriale, rispetto alle lezioni in presenza, raccomanda agli istituti di tenere conto, in via prioritaria, delle esigenze degli studenti che affronteranno le prove d’esame o che necessitano di particolari bisogni formativi. 

I dirigenti scolastici dovranno adottare le scelte organizzative in base alle percentuali di alunni da ammettere in presenza e potranno, dietro autorizzazione, limitare la durata temporale delle singole lezioni.

Le norme di sicurezza all’interno degli istituti scolastici

L’assessore Lagalla ha invitato i dirigenti scolastici a far rispettare le consuete norme di sicurezza: distanziamento, utilizzo delle mascherine (meglio se ffp2), monitoraggio della qualità dell’aria e sanificazione degli ambienti. Per i sindacati, però, “ritornare all’attività didattica in presenza anche nella secondaria di secondo grado è un’esigenza fortemente avvertita in primo luogo dagli studenti, ma permangono ad oggi notevoli criticità legate al sistema dei trasporti. Nonostante le rassicurazioni fornite dalle istituzioni preposte, riteniamo che difficilmente queste riescano a risolvere in pochi giorni un problema che non si e’ riusciti a risolvere per mesi”.

Leggi anche

Da oggi al via le riaperture in Italia: le nuove regole

Recovery

L’endorsement del FT: “Con Draghi l’Italia è un modello di gestione della pandemia”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata