Home

Il giorno in cui si potrà tornare in discoteca è vicino. È arrivato il via libera dal Comitato tecnico scientifico all’apertura delle discoteche in zona bianca. Gli esperti, nel parere che invieranno al governo, non hanno però indicato una data, che dovrà essere stabilita dall’esecutivo.

Il Cts ha anche fissato una serie di ordini per una gestione ottimale degli eventi notturni: si potrà entrare in discoteca solo con il green pass. Inoltre andranno mantenuti i contatti dei clienti per 14 giorni e gli ingressi saranno contingentati. La risposta dal Cts arriva dopo settimane, in cui gli imprenditori di settore chiedevano una risposta in merito alle riaperture nel periodo clou per i locali nel Bel Paese.


Leggi anche: Caldo africano no stop, a Palermo è allerta rossa: la prossima settimana si supereranno i 40 gradi


Dal Cts ok sull’apertura delle discoteche

Il Cts, ma al momento sono solo indiscrezioni, avrebbe discusso anche sulla scuola, sugli studenti e sui protocolli in vista della riapertura a settembre, in particolare delle misure di distanziamento nelle classi. Il tutto sarà tarato in base al proliferarsi della variante Delta, che potrebbe far rivedere i piani e le regole nelle prossime settimane. O anche nei mesi a seguire.

Per il Cts l’alleato fondamentale per coloro che vorranno ritornare tra luci, musica e divertimento sarà il green pass. La certificazione europea ha già raggiunto 1 italiano su 6. Alcune ricerche sostengono che il numero aumenterà sempre di più. “Oggi è un bel giorno, abbiamo sorpassato i 10 milioni di certificati Covid verdi digitali – ha detto il ministro dell’Innovazione tecnologica Vittorio Colao -. Abbiamo dato una piccola dimostrazione che quando lavoriamo insieme e lavoriamo bene con degli obiettivi comuni, riusciamo a lavorare ai migliori livelli europei.”.


Potrebbe interessarti

Variante Delta, adesso spunta la versione “plus”: i virologi temono una nuova ondata


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata