Home

Unipa a lutto. E’ morto Michele Antonio Floriano. Per anni ha svolto il ruolo di professore ordinario di Chimica fisica in servizio presso il dipartimento di Scienze e Tecnologie biologiche chimiche e farmaceutiche (Stebicef). L’ateneo ha espresso il più sentito cordoglio attraverso una nota.

“Il professor Floriano – ricordano i colleghi del dipartimento Stebicef – è stato vicepresidente della società Chimica italiana nel biennio 2008-2009. Inoltre ha svolto il ruolo di presidente della divisione di didattica della Sci negli anni 2010-12”.

“Grande promotore della ricerca didattica in ambito chimico, è stato il fondatore della Scuola permanente per l’aggiornamento degli insegnanti di Scienze sperimentali (Spais), giunta alla XVI edizione. Ovvero un punto di riferimento per le iniziative rivolte al mondo della formazione in servizio dei docenti“.


Leggi anche: Unipa, misterioso murales ‘mangia’ lo smog e lo trasforma in aria pulita: ecco come funziona


Unipa a lutto, morto il prof. Michele Antonio Floriano

“Durante la sua presidenza della Dd-Sci si è istituita la Scuola di ricerca educativa e didattica chimica “Ulderico Segre”. Esperienza rivolta alla discussione delle problematiche didattiche in ambito universitario”. E’ stato, insieme al professor Roberto Zingales, il fondatore dello spettacolo la “Magia della Chimica”.

Fin dal 2004 il rpof di Unipa è stato attivamente impegnato nel Piano nazionale lLauree scientifiche. “Instancabile ricercatore – dicono dall’ateneo – ha ricevuto nel 2020 la medaglia “G. Illuminati” per lo sviluppo e l’applicazione di metodologie didattiche innovative nel campo della chimica, per i suoi impegni istituzionali, per il suo coinvolgimento in progetti nazionali e internazionali sulla ricerca e innovazione della didattica e per la divulgazione della chimica a vari livelli”.


Leggi anche:

A 18 anni Giacomo è il miglior studente italiano di Fisica: “Sogno la Normale di Pisa”


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata