Home

Un’ex studentessa ha vinto contro Unipa in Appello. Il Cga ha confermato infatti l’illegittimo annullamento della laurea a una commercialista di Naro. La vicenda è iniziata nel 2018, quando il Tar Palermo aveva accolto il ricorso della donna che aveva richiesto di ottenere l’annullamento dei provvedimenti con i quali l’Università di Palermo le aveva annullato, dopo diversi anni dal suo conseguimento, il diploma di laurea per alcune asserite irregolarità rilevate negli statini e nei verbali relativi ad alcuni esami sostenuti.

Il Tar, accogliendo il ricorso proposto dalla commercialista di Naro, aveva annullato il provvedimento adottato in assenza di una approfondita istruttoria necessaria. La commercialista si è dunque costituita in secondo grado, con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, al fine di ribadire l’assoluta infondatezza dei sospetti avanzati dall’Università e l’illegittimità del provvedimento di annullamento del proprio diploma di laurea.


Leggi anche: Ricercatore Unipa risolve un problema matematico irrisolto da 20 anni


Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, confermando la sentenza resa dal Tar, ha respinto il ricorso presentato dall’Università degli Studi di Palermo. In particolare il Cga ha riconosciuto l’evidente carenza di istruttoria anche sotto il profilo della omessa audizione tanto dei professori componenti le relative commissioni d’esame – neppure identificati – quanto dei funzionari dell’Università addetti alla redazione ed alla conservazione dei verbali.

I Giudici amministrativi hanno, dunque, confermato l’illegittimità del provvedimento di annullamento della laurea e ciò anche in considerazione dell’intervenuto provvedimento di archiviazione a conclusione dell’indagine penale. La commercialista di Naro potrà, pertanto, continuare ad esercitare la professione, non potendo più esser messa in discussione la legittimità del titolo di studio dalla stessa conseguito.

Leggi anche:

In chat con gli studenti Unipa contro il green pass: “Il nostro piano per fermare la dittatura”

Università, professori e rettori turbati: “Gli studenti preferiscono la Dad alla presenza”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata