Home

Unipa. Il Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati, ha riguardato anche 7.012 laureati dell’Università di Palermo che, in media, anche diversi anni dopo il conseguimento della laurea, guadagnano poco più di mille euro al mese.

Nel dettaglio, dopo un anno dalla laurea, le retribuzioni degli ex studenti arrivano a 1.153 euro mensili netti. Si registra una disparità tra il salario degli uomini (1.317 euro) e delle donne (1048 (euro). Sono 61/100 i laureati che svolgono una professione attinente al percorso di studio effettuato, e considerano il loro titolo efficace per il proprio lavoro.

Spulciamo i dati ed evidenziamo delle curiosità.

Medicina e Chirurgia

Sono i neo laureati nella scuola di Medicina e chirurgia, quelli che tra le diverse scuole di Unipa, hanno una prospettiva di guadagno maggiore rispetto ai loro “poveri” colleghi. Infatti, la retribuzione media dei neodottori è di 1.530 euro (1.654 uomini e 1.438 per le donne), con ovvie differenze tra lauree a ciclo unico e di primo livello.

SCUOLA POLITECNICA di Unipa

La differenza di retribuzione tra laureati e laureate, in termini di retribuzione media, si conferma anche per i neo dottori della scuola politecnica di Unipa.

In media, a un anno, dalla laurea, un neo dottore appartenenza alla scuola politicnica guadagna 1.312 euro, 1.446 dopo la laurea magistrale e 1.160 dopo la laurea di primo livello. Le colleghe invece hanno una prospettiva di guadagno decisamente più bassa, attestandosi, mediamente, a quasi 300 euro mensili in meno rispetto ai loro colleghi uomini.

Scienze di base e applicate

Condizione di retribuzione quasi simile per i laureati delle facoltà scientifiche di Unipa. Ma media dello stipendio netto, ad un anno dalla laurea, è di 1.103 euro. il questo caso, il divario rea le colleghe e i colleghi è ancora più accentuato. Infatti, le neo dottoresse incassano solo 930 euro mensili contro le 1.312 euro dei colleghi uomini.

Unipa. Scienze giuridiche ed economico-sociale (Scuola)

I neo laureati in Giurisprudenza ed in Economia hanno prospettive di guadagno più basse rispetto alle altre facoltà. Ultimi in ateneo, superati in questa classifica al contrario solo dai “poveri” dottori della scuola di Scienze umane e del patrimonio culturale. Anche in questo caso si conferma l’impietoso trend. Le donne guadagnano sempre meno rispetto ai propri colleghi uomini. In questo caso va evidenziato un dato: le donne, laureate alla magistrale biennale arrivano a guadagnare ben 1000 euro in più rispetto ai loro colleghi uomini.

Unipa. Scienze umane e del patrimonio culturale

In fondo alla classifica dei dottori poveretti di Unipa troviamo i laureati nella scuola di Scienze umane e del patrimonio culturale. Per loro, la retribuzione media mensile dopo un anno dalla laurea non raggiunge nemmeno la cifra dei 1000 euro. Appena 875 euro per le neo dottoresse della laurea magistrale biennale.

Cosa accade a 5 anni dalla laurea?

Come si evince dalla tabella, anche se aumenta di circa 200 euro la retribuzione media mensile, la disparità di trattamento tra uomini e donne è evidente.

La riflessione

La parità di genere non è un discorso superato e non è, dati alla mano, un obiettivo di civiltà raggiunto. Le donne, infatti, pur frequentando le stesse università, gli stessi corsi di laurea, laureanadosi negli stessi anni degli uomini, ancora oggi, guadagnano meno. È un evidente segno che il tetto di cristallo è tutt’altro che infranto.

Leggi anche:

Test di ammissione 2020: date e materie delle prove

Unipa. Procedure di Iscrizione Corsi Magistrali per Laureandi e Laureati

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata