Home

Pillon dice la sua su un’agevolazione che l’Università di Bari vuole proporre alle studentesse per aumentare il numero di donne in facoltà che per anni sono state etichettate come “maschili”. Il rappresentante leghista inizia a scrivere al suo pubblico: “L’università di Bari spinge per far iscrivere ragazze a corsi di laurea tipicamente frequentati in prevalenza dai ragazzi”.

Pillon poi argomenta su cosa sia naturale per gli uomini all’Università e cosa lo sia per le donne: “È naturale che i maschi siano più appassionati a discipline tecniche all’Università. Tipo ingegneria mineraria, per esempio. Mentre le femmine abbiano una maggiore propensione per materie legate all’accudimento, come per esempio ostetricia”.


Leggi anche: “Cu nesci arrinesci”? In Italia i laureati in fuga aumentano del +41,8% dal 2013


Pillon dice la sua sull’Università

E Pillon aggiunge: “Questo però non sta bene ai cultori del Gender, secondo i quali ci DEVONO essere il 50% di donne nelle miniere e il 50% di uomini a fare puericulture”.

Poi il più importante esponente del Family Day tiene a precisare a chi se ne potrebbe risentire delle sue parole legato al mondo universitario: “Ovviamente ognuno è libero. E ci sono le sacrosante eccezioni. Ma è naturale che le ragazze siano portate verso alcune professioni. E i ragazzi verso altre. Imporre ai maschi di pagare più delle femmine per orientare la libera scelta di un percorso universitario è un modo di fare ideologico. E’ inoltre finalizzato a manipolare le persone e la società”.


Potrebbe interessarti

Palermo, la “statuaria casalinga” a sostegno delle imprese al femminile


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata