Home

Dopo la Lombardia, anche in Sicilia il governo Musumeci sta riflettendo per rendere obbligatorio l’uso delle mascherine per chiunque esca fuori casa.

«Nessuna decisione sulla obbligatorietà o meno delle mascherine per tutti è stata ancora presa dalla Regione Siciliana», si apprende dal Palazzo della Regione e dell’assessorato alla Salute. Gli esperti stanno ancora «valutando la necessità» di questa misura, anche «sulla base di una eventuale differenziazione tra luoghi dove è assolutamente necessaria la protezione, come strutture sanitarie o luoghi con la presenza di numerose persone come i supermercati, o zone all’aperto».

Quindi prende piede l’ipotesi che nei prossimi possa venire amanata un’ordinanza di Musumeci per disciplinare la vita fuori da casa. Inizialmente può essere limitata ad alcuni posti più a rischio, magari come prova generale di regole future – ormai ineluttabili – che disciplineranno la convivenza dei cittadini (rigorosamente con le mascherine) anche quando si entrerà nella cosiddetta “fase 2”. 

Le altre Regioni

– VENETO: “Non ho nulla da ridire su quello che ha fatto Fontana. La Lombardia ha anche un contagio molto più importante del nostro, e ha fatto la scelta anche partendo da questo aspetto”. Così il governatore Luca Zaia. In Veneto l’obbligo riguarda solo l’accesso ai supermarket e i mercati all’aperto e al chiuso. “Abbiamo avuto un approccio più graduale, con mascherine nei supermercati; ci siamo fermati ai luoghi pubblici dove si va a fare la spesa”.

– FRIULI VENEZIA GIULIA: in base all’ordinanza del governatore Fedriga, l’uso di mascherine o comunque protezioni per naso e bocca e guanti è obbligatorio soltanto all’interno di mercati e degli esercizi commerciali di beni alimentari. Fedriga ha spiegato che, “non c’è l’obbligo della mascherina ma basta accedere con sciarpa, foulard o anche un copricollo”

– ALTO ADIGE: introdotto l’obbligo di coprire naso e bocca in caso di incontri fuori dell’ambiente familiare, soprattutto nei negozi. Lo prevede un’ordinanza del governatore Arno Kompatscher che recepisce, tra l’altro, l’ultimo decreto nazionale. “Mascherine e scaldacollo non escludono al 100% un’infezione, ma riducono notevolmente il rischio di contagio. E’ di un dovere civico”.

– VALLE D’AOSTA: è obbligatorio l’uso della mascherina per i clienti all’interno degli esercizi commerciali. Anche il personale dei negozi deve essere protetto. Lo stabilisce un’ordinanza del presidente della regione, Renzo Testolin, che concede anche alcune deroghe ai cantieri (massimo 5 operai impiegati) e introduce il divieto di svolgimento dei mercati ad eccezione di quelli che garantiscono un unico varco di accesso e di uscita e la sorveglianza delle distanze sociali.

– PIEMONTE: Anche la Regione Piemonte sta valutando di prevedere l’obbligo di indossare la mascherina, ma solo per determinate categorie di persone, più a contatto col pubblico. E’ questo, a quanto si apprende, l’orientamento del governatore Alberto Cirio e dell’Unità di crisi regionale, al lavoro per integrare l’ordinanza in vigore. Le misure attuali, infatti, non prevedono nulla in materia di dispositivi di sicurezza individuale.

– LIGURIA: “Mi appare stravagante rendere obbligatorio uno strumento che fino a qualche ora fa era praticamente introvabile”, ha detto il governatore della Liguria Giovanni Toti. “Come Regione ci stiamo impegnando a distribuire gratuitamente le mascherine a tutta la popolazione della Liguria e solo dopo che questo sarà avvenuto valuteremo cosa fare”.

– EMILIA ROMAGNA: Il presidente Stefano Bonaccini non si esprime e dalla Regione al momento non c’è allo studio alcun provvedimento che obblighi a uscire di casa con naso e bocca coperti. Tuttavia per il futuro i comportamenti individuali dovranno cambiare: il commissario ad acta per l’emergenza in regione, Sergio Venturi auspica scorte proprie dell’Italia perchè rischiano di servire per molto tempo.

– LAZIO: nessun obbligo nella regione, tranne per quello che riguarda le indicazioni date a livello nazionale dalla Protezione Civile e dal ministero della Salute

– CAMPANIA: L’obbligatorietà delle mascherine in Campania è in valutazione ma non è al momento ritenuta la priorità per il presidente De Luca. La macchina regionale è impegnata a completare le scorte di dispositivi di protezione per tutti gli ospedali e le strutture sanitarie, in interlocuzione con la struttura nazionale guidata da Domenico Arcuri.

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.