Home

Una vera e propria rivoluzione per il mondo delle professioni. Da quanto annunciato dal Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza), cambierà l’accesso all’esercizio della professione. Come? Abolendo l’esame di Stato, ovvero la modalità di abilitazione. Ecco cosa è previsto.

L’esame di abilitazione

Secondo la legislazione attuale, per esercitare alcune professioni è necessario ottenere un’abilitazione superando un esame. Quest’ultimo, consente poi l’iscrizione in uno specifico albo professionale. L’obiettivo contenuto nel nuovo testo del Recovery Plan è quello di “velocizzare l’accesso al mondo del lavoro da parte dei laureati”.

Addio all’esame di abilitazione: il testo del Recovery Plan

Nel nuovo piano del Recovery Plan, spunta anche la “riforma delle lauree abilitanti”. Secondo l’ultima bozza del testo, si legge: “la riforma prevede la semplificazione delle procedure per l’abilitazione all’esercizio delle professioni rendendo l’esame di laurea coincidente con l’esame di stato, con ciò rendendo semplificando e velocizzando l’accesso al mondo del lavoro da parte dei laureati”.


Leggi anche: Recovery, Draghi presenta la bozza del Prr al Cdm: 318 pagine per cambiare l’Italia


Abolizione esame di abilitazione: a chi si applica?

In particolare, il nuovo modello si applicherebbe alle lauree magistrali a ciclo unico in Odontoiatria, Farmacia, Medicina veterinaria, Psicologia, che quindi conferirebbero l’abilitazione all’esercizio delle relative professioni direttamente con l’esame di laurea. In aggiunta, anche le lauree professionalizzanti per l’edilizia e il territorio, le tecniche agrarie, alimentari e forestali, le tecniche industriali. Quest’ultime, abiliterebbero all’esercizio delle professioni di geometra laureato, agrotecnico laureato, perito agrario laureato e di perito industriale laureato. Il provvedimento prevede anche che ulteriori titoli universitari, i quali consentono l’accesso agli esami di Stato, possano essere resi abilitanti su richiesta dei consigli degli ordini o dei collegi professionali o delle relative federazioni nazionali. Questo potrebbe valere, ad esempio, per avvocati e giornalisti.

Abolizione esame di abilitazione: gli obiettivi

Oltre a rendere più semplice ed agevole l’accesso alla professione, la previsione dell’abolizione dell’esame di abilitazione mira ad aumentare il numero dei laureati, riformulando anche i corsi didattici in modo da «ampliare le classi di lauree professionalizzanti, facilitando l’accesso all’istruzione universitaria per gli studenti provenienti dai percorsi degli ITS», ovvero gli Istituti Tecnici Superiori. Tra loro, ci saranno le nuove «risorse specialistiche» da suddividere in task force multifunzionali, dedicate all’attuazione di tutti i progetti inerenti al Ministero della Giustizia, dalla digitalizzazione alle riforme procedurali e legali.

Le Università riaprono? Il ministro Messa detta le regole: comanda la capienza

YOUNIPA  24 APRILE 2021

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata