Home

La sua protesta per difendere un diritto: il posto auto per disabili. «Non mi arrendo». La studentessa 26enne ha trovato l’auto vandalizzata due volte in 4 giorni: «Allora ho parcheggiato me stessa».

Per due volte le hanno bucato le ruote della macchina posizionata sotto casa, a Milano, nel suo parcheggio riservato. Ma lei non si arrende e ha deciso di fare un picchetto sul proprio posto auto. E’ la storia della disabile 26enne Priscilla Losco. “E’ qualcuno a cui evidentemente da fastidio il parcheggio perché nella via è difficile trovare un posto a causa di lavori stradali”, ha scritto su Instagram Priscilla.

La disabile, a chi ha compiuto il gesto:

“Se vuoi adesso sono qua per farmi bucare le ruote della sedia a rotelle. Voglio vedere se avrai il coraggio”.

Priscilla da otto anni è tetraplegica, «paralizzata dalle spalle in giù». Un incidente l’ha lasciata su una sedia a rotelle. E in questo pezzo di Milano che quotidianamente si fa la guerra per un parcheggio, che vive come un «privilegio» o un fastidio un posto auto per disabili, lei preferisce provare una rivoluzione dolce: «Voglio sensibilizzare, non arrabbiarmi — dice —. Spero che chiunque sia stato, possa capire il grosso disagio che mi ha.

Via Pacini, zona Piola. Sono appena passate le 13. Il traffico è sostenuto. Ci sono i cantieri. C’è il consueto caos per il mercato. Fino a qualche tempo fa c’erano gli studenti del Politecnico che sciamavano su e giù dalle scale del metrò. Oggi resta ancora, invece, il via vai continuo di chi lascia la macchina un po’ dove capita, in qualsiasi angolo libero, anche solo per il tempo di una commissione. 

Priscilla è da tre ore là, a presidiare il suo posto disabili con contrassegno che ha richiesto al Comune

«Ho deciso di parcheggiare me stessa». Poche strisce gialle che per qualcuno rappresentano un bottino in un quartiere frenetico. Ma che per lei sono un piccolo aiuto in una quotidianità faticosa. «Tre giorni a settimana devo andare in ospedale. Per me tutto è difficile, ogni giorno affronto un ostacolo, una sfida. Soprattutto è faticoso per mia mamma, che mi è sempre vicina», racconta. Neanche il tempo di citarla, ed eccola arrivare: le lascia un panzerotto, le chiede se è tutto ok, si raccomanda, le fa forza.

Priscilla si giostra tra mascherina, cellulare e quel tablet sulle ginocchia con cui sta seguendo le videolezioni. È determinata ad andare avanti con il suo picchetto. Qualche passante si ferma, legge i cartelli («Tu che mi hai bucato la macchina 2 volte in 4 giorni nel mio parcheggio disabili, vuoi bucarmi anche le ruote della carrozzina?»), si informa. Lei sorride. Spiega: «Ho sporto denuncia, mi hanno suggerito di chiedere l’autorizzazione per mettere le telecamere». Intanto, spera che tra i curiosi ci sia l’anonimo sabotatore. «È successo sempre solo alla mia auto: sarà qualcuno della zona», è il dubbio: «Forse questo mio diritto ha dato fastidio, forse qualcuno che ha preso la multa. Ma di questo parcheggio farei volentieri a meno. Comunque, non mi arrendo».


Altre notizie:

Il senatore Pillon contro Sanremo: “È diventato un ossessivo gay pride”

Covid, la preoccupazione del Cts: “Contagi troppo alti, si innalzino le misure”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Fabio C.

I sogni non accadono se non agisci

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata