Home

Cambia ancora il regolamento per i prossimi concorsi pubblici, ovvero quelli da bandire dopo la fine dello stato di emergenza. Anche se al momento si tratta solo di una bozza del decreto, il sito istituzionale Funzione Pubblica Gov fa già riferimento alle principali modifiche principali da attuare.

Niente più prova unica

Va via la prova unica: i concorsi devono prevedere necessariamente anche la prova orale. L’art. 3 della bozza di decreto stabilisce, infatti, che nei concorsi per il personale non dirigenziale, si prevede l’espletamento di almeno una prova scritta, anche a contenuto teorico-pratico, e sempre di una prova orale, comprendente l’accertamento della conoscenza di almeno una lingua straniera.


Leggi anche: Concorso Centri Impiego Regione Sicilia: c’è la data


Preselettiva

Le prove di esame potranno essere precedute da forme di preselezione, che possono riguardare l’accertamento delle conoscenze indicate nel bando o il possesso delle attitudini e delle capacità comportamentali richieste dal bando. Continueranno ad utilizzarsi strumenti informatici e telematici per lo svolgimento delle prove che si svolgeranno presso sedi decentrate.

Esperienza per i profili specializzati

Per l’assunzione di profili specializzati, oltre alle competenze, dovranno essere valutate anche le esperienze lavorative pregresse e pertinenti. Si fa riferimento, in particolar modo, alla figura dei dirigenti e alla nuova figura in fase d’istituzione dei quadri in P.A.

Le novità riguardano tutti i concorsi pubblici.

concorso

Concorso unico per 1956 posti: Cultura, Giustizia e Istruzione – TUTTE LE INFO

concorsi

Concorsi e nuove assunzioni nella PA, 11mila assunzioni a tempo indeterminato: INFO E DECRETO

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata