Home

Fa ancora molto discutere l’assurdo requisito richiesto in due comuni torinesi, Vigone e Torre Pellice, per poter partecipare alle selezioni da commissario dei vigili del fuoco.

Test di gravidanza negativo per le candidate

Alle aspiranti candidate è stato infatti richiesto l’esito di un test di gravidanza negativo, necessario per poter partecipare alle prove fisiche previste. In particolar modo, il test è richiesto per la corsa: 1.000 metri da correre entro i 6 minuti e 30 secondi, per le donne (se non si è incinta!) Nel bando è inoltre specificato che il test deve essere effettuato negli ultimi cinque giorni precedenti l’esame.


Leggi anche: Vince Concorso pubblico grazie a microfono ed auricolare nascosti: denunciato


La reazione dei sindacati

Alla notizia, hanno insorto diversi sindacati gridando alla discriminazione e minacciando un esposto alla Procura, considerando il requisito illegittimo. Loredana Cristino, sindacalista del Csa polizia locale, ha dichiarato al quotidiano La Stampa (che ha riportato la notizia): “Chiedere ad una candidata il test di gravidanza è discriminatorio. Sperare poi che in due mesi sia uscita dallo stato in cui si trova è totalmente folle. Mica siamo criceti!”.

Concorso Scuola, spunta la traccia-vergogna sulla “razza europea”: la denuncia

Disastro al Concorso in magistratura, passa soltanto il 5%: “Candidati non sanno andare a capo”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata