“Veniteme a dì che è tutto ok, che non ce n’è coviddi, che stasera annamo a ballà. Intanto, a 30 gradi e con una tuta da centro dimagranti ce stamo noi, non voi”.

Questo lo sfogo di un infermiere del Policlinico Umberto I di Roma Marco Bellafiore che in un post su Facebook tenta in dialetto e con particolare verve di sensibilizzare sull’uso della mascherina e la necessità del distanziamento.
 

‘Tanto che ve frega, mica mi capiterà di stare con un tubo in gola mentre una macchina respira per me. Vai sereno zi, a te non capita. E se capita, ci sono quelli che per un indennità di quasi 100 euro (lorde) al mese, si fanno turni interi in stile palombaro. Andate in vacanza va, che io ancora nn ce so andato. Sarà per questo che so un po’ polemico’, conclude l’infermiere nel post che ha avuto migliaia di condivisioni. 

Il post su Facebook

Post polemico.L'ultima volta che ho avuto bisogno delle mutande di ricambio probabilmente avevo 3/4 anni e all'asilo…

Posted by Marco Bellafiore on Friday, August 14, 2020

Leggi anche:

“Non ce n’è Coviddi”, “Ho vent’anni, non mi ammazzerà il Coronavirus”. Il servizio del Tg1 sui giovani italiani in Croazia scatena polemiche

Sicilia. Sono 46 i nuovi positivi nel giorno di ferragosto, 13 di rientro da Malta.

Coronavirus. Grave la ragazza rientrata a Palermo da Malta

Condividi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata