Home

I contagi da Covid in Italia “sarebbero sottostimati del 50%”. Lo rivela un dossier dell’intelligence presentato al presidente del Consiglio dimissionario, Giuseppe Conte. Stando al rapporto svelato da “la Repubblica“, l’errore nelle stime sarebbe causato “dal calo del numero dei tamponi a metà novembre 2020”. I dati sono quindi difficili da analizzare e da usare per prendere misure adeguate di contenimento del virus.

“Osservando le terapie intensive nella parte finale dell’anno, si può dedurre che vi è stata una fase di ripresa dell’epidemia verso la metà dicembre” continua il dossier. “Una ripresa che non è stata rilevata né tracciata dai numeri nazionali a causa dei pochi test effettuati in quel periodo”.

Contagi da Covid, i dati dell’intelligence

Secondo l’intelligence, prima di Natale la curva è tornata a salire come dimostrano i pazienti a rischio vita che negli ospedali non sono diminuiti. Nei bollettini ministeriali veniva detto che dal picco del 13 novembre (+40.902 contagiati) in avanti la conta delle nuove positività è andata progressivamente calando.

Un altro elemento che avrebbe inquinato l’attendibilità dei dati raccolti è l’inserimento nel conteggio dei tamponi dei test antigenici. I nuovi test, conteggiati insieme a quelli molecolari e non scorporati, avrebbe di fatto impedito un confronto con le serie storiche passate.

Leggi anche:

Bollettino Covid, leggera flessione dei nuovi casi in Sicilia e in Italia

Vaccino Pfizer, efficace con le varianti: ma ci sono controindicazioni

Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Avatar

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata