Home

E’ stato effettuatouno studio all’Iss e dalla fondazione Kessler, che ha analizzato i dati della pandemia in Italia per dare una stima del periodo in cui si potrà tornare alla normalità. Il titolo dello studio è “Return to normal: COVID-19 vaccination under mitigation measures”. I risultati di questo studio sono stati raccolti in un video, pubblicato da Repubblica.

I risultati dello studio: quando torneremo alla normalità

Come già sapevamo, il nostro futuro è in mano ai vaccini. Tutto dipenderà dal ritmo delle vaccinazioni e dalla durata della protezione. Nello scenario più ottimistico le cose miglioreranno da luglio 2021, per arrivare al momento “Zero-Covid” tra gennaio e febbraio 2022. 


Leggi anche: Sicilia, scandalo dati covid: uffici in tilt e una nuova guida


Come poter arrivare a contagi zero: i fattori

Se si riuscirà ad avere un ritmo di almeno 4 vaccinazioni al giorno ogni 1000 abitanti, si potranno eliminare le misure restrittive entro 7-13 mesi dall’inizio della campagna vaccinale. Se consideriamo che in Italia la campagna è iniziata a gennaio, stando allo studio già a luglio la situazione dovrebbe migliorare notevolmente. Per poi arrivare a zero covid tra gennaio e febbraio 2022.

Al cune variabili potrebbero influire

I tempi per raggiungere il momento covid-zero però, dipendono da alcune variabili.

Ritmo delle vaccinazioni

  • Occorrerà in primis mantenere bassi i contagi. 50 ogni 100.000 persone a settimana
  • Occorrerà vaccinare almeno 500.000 prsone al giorno

Durata della protezione

  • Ipotesi migliore: 2 anni
  • Ipotesi peggiore: 1 anno o 6 mesi

Nello scenario migliore, nel caso in cui tutte le variabili si presentino nei loro valori ottimali, le morti sarebbero – 80% rispetto a quelle che si registrerebbero senza vaccinazioni da adesso a febbraio.

I tempi potrebbero allungarsi

  • Se aumentasse la trasmissibilità del virus
  • A causa delle varianti

Un aumento del 20% della trasmissibilità sposterebbe il momento zero covid a 2 anni.

Insomma, la situazione è delicata e il momento è cruciale. Adesso è necessario uno sforzo ulteriore da parte di tutti per poter iniziare a risalire la china e scorgere all’orizzonte la luce di quella tanto agognata normalità, che tutti noi non vediamo l’ora di riavere.

covid

Bollettino Covid, contagi stazionari e decessi in crescita in Italia: la Sicilia non comunica i dati

Razza

Scandalo in Sicilia, i dati sui contagi erano falsati: 3 arresti, l’assessore Razza (indagato) si dimette

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata