Home

La Sicilia divisa in quattro fasce di rischio in base al numero di contagi associato alla percentuale di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale. È il punto centrale del parere elaborato dal Comitato tecnico scientifico per l’emergenza Covid in Sicilia in cui l’adesione alla campagna vaccinazione diventa un parametro ulteriore per la valutazione dello scenario epidemico a livello locale e per stabilire eventuali restrizioni.

Secondo il Cts, sono da collocare in zona ad alto rischio i comuni e le province in cui è elevato l’indice di contagio (maggiore di 250 casi su centomila abitanti), ma la copertura vaccinale è inferiore al 70 per cento di tutta la popolazione o inferiore all’80 per cento della popolazione over 60. Per il Cts, “l’unico parametro di riferimento scientificamente attendibile per la limitazione della circolazione e della diffusione del virus, e soprattutto per il contenimento dei suoi effetti negativi sulla salute del singolo e della collettività, è la vaccinazione completa (doppia dose o monodose secondo vaccino somministrato)”.

Secondo il documento, alla luce dell’attuale situazione epidemiologica, sulla scorta del monitoraggio dei dati, è possibile immaginare uno schema di valutazione decisionale che si adatti dinamicamente a una serie di parametri tra cui l’incidenza cumulativa settimanale; la percentuale di vaccinati sulla popolazione generale e a rischio; il rapporto tra contagi-ospedalizzazione-posti letto dei soggetti Covid-19 positivi; e l’andamento dei ricoveri in relazione alle pubblicazioni casistiche nazionali e internazionali. 


Leggi anche: Covid, Brusaferro (ISS): “Rischiamo la quarta ondata, sì alla terza dose per i più fragili”


Nel dettaglio, il modello proposto dal Comitato, oltre alla zona ad alto rischio, prevede il medio rischio (maggiore di 150, ma inferiore a 250 contagi ogni centomila abitanti, con una copertura vaccinale inferiore al 70 per cento di tutta la popolazione o inferiore all’80 per cento degli over 60; il basso rischio (tra 150 e 250 contagi ogni centomila abitanti con una copertura vaccinale maggiore del 70 per cento di tutta la popolazione o maggiore dell’80 per cento degli over 60, ovvero da 50 a 150 contagi per centomila abitanti con una copertura vaccinale superiore al 60 per cento della popolazione o al 70 per cento per gli over 60); il bassissimo rischio (inferiore ai 50 contagi per centomila abitanti e una copertura vaccinale maggiore del 70 per cento).

A rischiare i provvedimenti restrittivi sarebbero quindi quei comuni in cui, al superamento della soglia stabilita di casi settimanali in rapporto alla popolazione residente, si dovesse anche registrare una scarsa partecipazione della popolazione alla campagna vaccinale. Inoltre, in caso di difficoltà delle operazioni di contact tracing da parte del dipartimento di Prevenzione dell’Asp competente,  suggerite dai numerosi focolai di minime dimensioni presenti nelle province siciliane, il Comitato conferma “la necessità, qualora si rilevino condizioni di rischio aumentato, di introdurre ulteriori misure di contenimento”.

Leggi anche:

covid

Bollettino Covid, contagi ancora in aumento: Sicilia sempre prima in Italia per nuovi casi

Palermo

Tragedia a Palermo, positivo al Covid si suicida lanciandosi dal 3° piano dell’ospedale

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata