Home

Dopo quasi due anni di DAD diverse ricerche ne stanno analizzando gli impatti sulla vita degli alunni e sulla qualità generale della didattica. Una di queste ricerche è stata portata avanti dalla Fondazione Agnelli.

Per 9 intervistati su 10 i cambiamenti degli ultimi due anni scolastici non hanno offerto grandi innovazioni. Anzi, le cose sono addirittura peggiorate.

Leggi anche: Venezia, finalmente! Stop al passaggio delle navi di crociera davanti a San Marco

Con l’approssimarsi del rientro a scuola c’è ancora incertezza su quello che accadrà alla didattica nel post pandemia. Non tutti sono concordi sul fatto che la Dad sarà messa definitivamente da parte.

Rimane comunque il problema che questa modalità di apprendimento a distanza sembra proprio che non sia stata ancora digerita appieno dalla scuola italiana. Secondo la ricerca della Fondazione Agnelli, la didattica digitale è stata un flop. I dati principali dell’indagine vengono riassunti sul sito Skuola.net.

La DAD penalizza l’apprendimento

La fotografia è stata scattata dal Centro Studi Crenos e dal Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Cagliari e ha riguardato un campione rappresentativo di 123 scuole secondarie di secondo grado, statali e paritarie, in tutta Italia. In ogni istituto sono stati proposti questionari a studenti (del terzo e del quinto anno), docenti e dirigenti scolastici, raccogliendo complessivamente le risposte di 105 dirigenti scolastici, 3.905 docenti, 11.154 studenti.

Tra i dati principali emersi, emblematico che il 91% degli studenti delle scuole superiori nell’ultimo anno scolastico sono rimasti davanti a uno schermo tra 5 e le 6 ore al giorno per fare lezione da remoto. Inoltre, per 9 studenti su 10, lezioni in video, verifiche e compiti a casa sono state le uniche attività proposte da tutti i docenti. Senza particolare differenza tra le materie. Insomma, sembra che la maggior parte dei docenti non abbia adeguato la didattica al nuovo mezzo, ma abbia semplicemente trasposto i vecchi metodi sulle nuove piattaforme. La lezione frontale ex cathedra si è così trasformata spesso e volentieri in una live in streaming, con l’aggravante che non tutti gli ambienti dove gli studenti si trovano a seguire le lezioni sono adeguati a favorire la massima attenzione. Inoltre, solo per 1 studente su 4 la Dad ha favorito l’interazione con gli insegnanti. Gli altri si sono sentiti un po’ abbandonati a se stessi.

Unico lato positivo: a distanza si copia meglio

Ma alla base della bocciatura della Dad non ci sono solo fattori di comunicazione: la maggior parte degli studenti denuncia un maggiore senso di affaticamento (65%) dopo una giornata di scuola in didattica a distanza e anche una difficoltà maggiore a mantenere l’attenzione (73%). Il lato positivo? Meno ansia per verifiche e interrogazioni, ma perché – come raccontano 7 ragazzi su 10 – è stato più facile copiare. Per quanto riguarda l’apprendimento vero e proprio, il 57% in media risponde di avere imparato quanto avrebbe fatto a scuola, mentre il 43% ha lamentato di aver appreso di meno. Certificando che la Dad, così come impostata attualmente, ancora non è pronta per sostituire la didattica frontale.

Le conlusioni del direttore della Fondazione Agnelli

Il direttore della Fondazione Agnelli, Andrea Gavosto, commenta così i risultati : “Solo uno su quattro ha trovato più facile dialogare con gli altri in Dad rispetto che in classe. Spesso si sostiene che la timidezza si possa meglio superare da dietro a un monitor, in realtà non è vero. Era meglio in classe“. E aggiunge: “Il settanta per cento dice che copiare e farsi suggerire sia stato più facile con la Dad. Ed è chiaro che se tu docente fai la verifica tradizionale di tipo nozionistico è più facile copiare da Wikipedia. Uno dovrebbe ripensare le verifiche e impostarle sul ragionamento e sui collegamenti. Io docente voglio sapere cosa tu abbia capito, non quello che hai letto. Peraltro, con un po’ di esperienza si comprende se uno studente sta sbirciando. Poi a maggio, con il ritorno in aula c’è stato un profluvio di interrogazioni e verifiche in aula. Questo è un segnale preoccupante perché un docente si deve organizzare meglio durante l’anno e non attendere la fine delle lezioni per avere una valutazione”.

Insomma, tra sostenitori e detrattori della didattica a distanza il dibattito è sempre aperto. Una cosa, a mio avviso è certa: soprattutto negli adoliscenti e nei ragazzi l’elemento della socialità e dello stare insieme, non potrà mai essere sostituito da nessuna soluzione virtuale.

cagliari

Cagliari, rider aggredito dopo Italia-Spagna: denunciati due giovani pregiudicati

Roma

Euro 2020, il prefetto di Roma contro la Figc: “Corteo non previsto, patti non rispettati”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata