Home

Da sempre dolce caratterizzante della cucina siciliana, insieme alla cassata siciliana, il cannolo è perfetto da consumare sia a colazione che come dolce da fine pasto. Vi diamo qualche indicazione su dove trovare dei buoni cannoli a Palermo, seguendo i consigli di Trpadvisor.

Quali sono i posti in cui si mangiano migliori cannoli di Palermo?

Al primo posto secondo Tripadvisor c’è “Cannolissimo” in Via Vittorio Emanuele 407, una pasticceria davvero speciale che realizza cannoli senza glutine. Il rapporto qualità prezzo è unico e noi di Younipa lo consigliamo a tutti coloro che soffrono di intolleranze alimentari. Da “Cannolissimo” c’è la possibilità di scegliere il riempimento e la granella di guarnizione, accanto alle cialde ricoperte al cioccolato e al pistacchio da poter provare. Il gusto e la freschezza degli ingredienti non ha pari. Se vuoi gustare un cannolo nel centro di Palermo farcito sul momento con vari tipi di ricotta fresca non puoi assolutamente perdertelo… Oltretutto si trova anche in un posto dall’atmosfera intima e ospitale.

Al secondo posto troviamo i segreti del Chiostro in Piazza Bellini 33: cannoli ottimi confezionati in un packaging funzionale. Ricotta “abbattuta” e confezionata in un comodo packaging, cannoli da gustare nella quiete di un chiostro pittoresco dove si percepisce solo il rumore dell’acqua della fontana centrale, trovandosi all’interno del monastero di Santa Caterina. Non guasta la gentilezza dei proprietari che sanno consigliare cannoli per tutti i palati! Si tratta del posto ideale per un’esperienza sensoriale! Dopo aver scelto il cannolo, sedersi in giardino sulla panchina è quasi d’obbligo!

Per gli insaziabili amanti del cannolo grande: Cannoli &co. Per i palati più esigenti Cannoli &co in via Via Maqueda 268, non può deludervi! Qui è duplice la possibilità di scegliere l’impasto (normale o al cioccolato) così come il riempimento e la granella di guarnizione…Ma il loro punto di forza è la dimensione: sono enormi!

Tutti pazzi per il cannolo

Dove modernità e tradizione storica si fondono: Caffè Ruvolo! Se non avete approfittato di Cannoli&Co, potete visitare Caffè Ruvolo sempre in via Maqueda 190 a Palermo, un locale moderno e tradizionale al tempo stesso. Qui trovate il giusto connubio qualità-prezzo perché ricordiamolo, questa è una delle vie principali di Palermo. Se cercate anche qualcosa che accompagni i cannoli, è possibile bere drink o degustare altre specialità di pasticceria, come ad esempio le ciambelle non fritte o brioche con il gelato. Si possono gustare gelati, granite, cassate, paste di mandorla, cornetti al pistacchio, … arancina e panini, aperitivi.

Torte e tradizione? Pasticceria Cappello. Propongono dei cannoli buonissimi e se, oltre ai cannoli, avete voglia di assaggiare le tradizionali torte siciliane, vi suggerisco questa pasticceria storica di Palermo. Qui è la storia a parlare con le sue prelibatezze, basti pensare che è rientrata tra le “Travellers Choice 2020” su Tripadvisor. Straconsigliata la torta con fragole!

Poi abbiamo il bar Spinnato, il posto perfetto per le tue voglie di dolci, dal cannolo di ricotta alla granita! Spinnato è un bar che si trova nel cuore della città di Palermo. Da assaggiare anche le paste di crema. Anche qui c’è un buon rapporto qualità prezzo.

Potrebbe interessarti: I 5 migliori caffè di Palermo

Il cannolo a fine pasto come dessert? Certo!

Dalla colazione al dolce post pranzo a Palermo il cannolo va bene in ogni occasione, proprio come nel caso del locale la Buatta, famoso per la sua cucina popolana. La Buatta si trova a Palermo in via Vittorio Emanuele 176, non è un bar ma un ristorante dalla cucina mediterranea, siciliana, particolarmente attento ai gusti ed esigenze di vegetariani, vegani e celiaci. Ideale per il pranzo, o per la cena oppure per un semplice Brunch.

Che aspettate? Siete pronti a scegliere il vostro cannolo di fiducia? Il mio consiglio è quello di scegliere, non appena si potrà, un posto diverso per ogni giorno della settimana, domenica compresa!

Le origini del cannolo: dolce metafora del simbolo fallico


Da sempre dolce caratterizzante insieme alla cassata siciliana, il cannolo suscita un certo fascino anche per la storia che lo avvolge nel tempo fino ad oggi. Secondo una leggenda la nascita dei cannoli infatti è attribuita alla città di Caltanissetta, “Kalt El Nissa” locuzione che in arabo significa “Castello delle donne”, che a quei tempi era sede di numerosi harem di emiri saraceni.

Nei secoli ha subìto diverse trasformazioni e questa verità sembra essere stata sostituita da storie diverse. Secondo altre fonti i cannoli sono nati in un convento a Caltanissetta per opera delle suore che in occasione del Carnevale hanno realizzato un dolce formato da un involucro (“scorcia”) riempito da una crema di ricotta e zucchero ed arricchito con pezzetti di cioccolato e granella di mandorle (cucuzzata). Qualunque sia la verità a riguardo, si tratta di un dolce siciliano dai forti contrasti: colori, profumi, sapori, consistenza, forma cilindrica…Ma c’è chi resta dell’idea come Giuseppe Coria, che il cannolo rappresenta la forma fallica. Il tutto in seguito ad uno studio uno studio sul rapporto tra la geometria e la simbologia sul cannolo.

Qualunque sia il gusto, il cannolo rappresenta la fecondità. Secondo Giuseppe Coria, autore di libri di ricette come “Profumi di Sicilia. Il libro della cucina siciliana” il cannolo dunque esprimerebbe, un significato di fecondità, di forza generatrice, e di allontanamento delle influenze maligne.


Leggi anche:


La più buona arancina di Palermo è quella del bar Ettore Matranga


I cinque migliori panettoni artigianali siciliani


Condividi
Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Fabia Tonazzi

Fabia Tonazzi si laurea nel 2011 in “Scienze dell’informazione” presso l’Ateneo Aldo Moro di Bari e da quel momento in poi decide di dedicarsi alla comunicazione e al mondo del social media consapevole del suo amore verso i libri e la scrittura.Dal 2011 in poi cominciano le collaborazioni con varie testate giornalistiche on-line oltre che radiofoniche per alcune emittenti come speaker. Giornalista pubblicista dal 2014 scrive sul suo sito www.passionevera.it intervistando cantanti, scrittori, artisti promuovendo la cultura.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata