Home

Andare in Erasmus non è mai stato così semplice. Si chiama Erasmus+ la nuova applicazione che permetterà agli studenti di tutta Europa di iscriversi al progetto direttamente dal loro smartphone, con la possibilità di scegliere la loro meta preferita. Rilasciata anche la Carta Europea dello studente.

Erasmus+: la nuova app per un Erasmus funzionale

Uno sportello unico online per la mobilità europea, con cui i giovani studenti potranno avere a portata di smartphone tutte le informazioni necessarie per il loro viaggio di formazione. Semplificare le procedure amministrative, prima, durante e dopo il soggiorno e facilitare la partecipazione ad attività ed eventi offerti dalla comunità ospitante: tutto questo è Erasmus+.

“Unico spazio europeo dell’istruzione”

Avere tutte le informazioni a portata di mano significa meno stress, meno tempo da dedicare alle formalità e maggiore flessibilità“, spiega la commissaria per l’innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù, Mariya Gabriel. “Un passo importante verso un vero spazio europeo dell’istruzione


Leggi anche: Università, “Farò differenza tra studenti vaccinati e non”: Prof. minacciato dai no-vax


Erasmus+ : cosa offre?

La nuova applicazione, disponibile in tutte le lingue comunitarie per i sistemi Android e iOS, permette di:

  • cercare e selezionare la destinazione tra gli istituti partner dell’Università d’appartenenza;
  • firmare il loro contratto di apprendimento online;
  • scoprire eventi e consigli utili relativi alla destinazione ed entrare in contatto con altri studenti;
  • dotarsi di una propria Carta europea in formato digitale per accedere a servizi, musei, attività culturali offerte dalla comunità ospitante.

Il progetto Erasmus è stato rinnovato lo scorso maggio per i prossimi sette anni, fino al 2027, e può contare su un budget raddoppiato. Il fondo a disposizione passa, infatti, da 14,7 miliardi degli anni precedenti ad oltre 28 miliardi.

“La laurea non è inutile”, l’87% dei laureati trova lavoro: ma le paghe sono ancora basse

“I prof in Italia mi dicevano non vali nulla”, oggi si è laureata col massimo dei voti all’estero

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata