Home

Quest’estate non tutti avranno il diritto di andare al mare con le stesse possibilità. Secondo i dati diffusi dal Centro Consumatori Italia (Cci) i primi aumenti dei prezzi di ombrelloni o aree a pagamaneto si sarebbero registrati già con le prime aperture in tutto il Bel Paese.

Su 60 strutture esaminate in tutta la penisola, la variazione registrata in media è del 5%. Circa un euro al giorno. L’aumento in questa stagione balneare, come la precedente, è causato dalle linee guida che stabiliscono un minimo di 10 metri quadrati a ombrellone. Ci sono spiagge piccole dove il Covid ha inciso in maniera notevole perché le postazioni sono si sono drasticamente ridotte.

A Mondello ad esempio le offerte a disposizione della compagnia Italo Belga prevedono: dal lunedì al venerdì: €22 a postazione (2 lettini e 1 ombrellone) e €16 postazione singola (1 lettino e 1 ombrellone). Sabato e domenica: €25 a postazione e €20 postazione singola.


Leggi anche: Palermo, torna il cinema all’aperto alla Cala: i film in programmazione


Il mare non è per tutti: aumentano i prezzi degli ombrelloni da Mondello a Cefalù

I prezzi nel lido ad un passo dal centro storico di Palermo subiranno una variazione in base a bassa, media ed alta stagione. Anche a Cefalù i prezzi sono dovuti aumentare per soddisfare la stessa cifra giornaliera di guadagno con meno ombrelloni ma più distanziati.

Sembrano essere state le nuove regole contro il contagio di una possibile variante Delta fra gli ombrelloni e il calo di presenze ad aver portato molti gestori a rivedere i prezzi, aumentandoli. Tra chi ha optato per grossi aumenti e chi per minori.

Questo innalzamento dei prezzi non ha portato però ad un calo del numero dei turisti, che anzi ha visto un aumento considerevole. Infatti secondo Coldiretti sono 14,8 milioni gli italiani che hanno deciso di andare in vacanza a luglio, con un aumento del 9% rispetto allo scorso anno. E anche ada agosto sarebbe prevista una percentuale di aumento con segno positivo.


Potrebbe interessarti

Brioscià

Palermo, chiudono le gelaterie Brioscià: 30 lavoratori a spasso


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata