Home

A tutti noi è capitato di avere una motivetto che ci frulla in testa, di cui non riusciamo a ricordare il titolo o l’artista che la canta. Adesso finalmente tutto quello che dovremo fare in questi casi sarà semplicemente canticchiarla al nuovo strumento di Google, Hum to Search – che letteralmente significa “canticchia per cercare” – e Google ti dirà di quale canzone si tratta.

Ecco come Hum to Search riconosce la canzone canticchiata

La nuova funzione di Google Hum to Search, che sarà integrata nei dispositivi iOS e Android, permetterà di conoscere il titolo e l’artista del motivetto che si ha in testa e di cui non si conosce o non si ricorda titolo e artista. Da Google è stato spiegato che “la melodia di una canzone è praticamente la sua impronta digitale” e per questo ogni canzone avrebbe una sua identità.


Leggi anche: 50mila € agli Studenti per la Formazione Universitaria e post-universitaria in Italia e all’Estero. Ecco tutte le info


Seguendo la funzione concettuale di Shazam, App che aiuta ad identificare una canzone dopo aver ascoltato un pezzo del brano, Google ha realizzato dei modelli di machine learning che sono in grado di associare gli spezzoni fischiettaticanticchiati o cantati alla giusta “impronta“.

E’ così che, quando si canticchia una melodia in Ricerca, i modelli trasformano l’audio in una sequenza numerica che rappresenta la melodia stessa. Gli ingegneri della Silicon Valey hanno preparato questi modelli su una diversa “varietà di fonti, inclusi gli umani che cantano, fischiettano o mormorano, così come le registrazioni in studio“, eliminando di fatto la base musicale e la stessa qualità della voce per concentrarsi unicamente sulla sequenza numerica.

Dopo l’analisi del server, Google dovrebbe proporre diversi brani e per trovare quello giusto, non resta che ascoltare le proposte. La funzione è momentaneamente disponibile soltanto in inglese per dispositivi iOS e in oltre 20 lingue per quelli Android.

Ecco lo spot di presentazione:

E così, anche in questo caso, quando la memoria non ci aiuta, come sempre, ci pensa Google.

Leggi anche:

Università. Creato algoritmo per scegliere il corso di laurea

Lorena Quaranta. La cerimonia di consegna della pergamena di laurea

Condividi

A proposito dell'autore

Maria Pia Scancarello

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata