Home

Dovete studiare per la sessione invernale ma al tempo stesso volete godervi l’atmosfera natalizia di questi giorni? Don’t worry! Qui di seguito vi illustreremo qualche prezioso consiglio per far conciliare il tutto.

Nei giorni di festa è sempre difficile riuscire a concentrarsi sui propri manuali di studio. Soprattutto nel periodo natalizio, in cui decorazioni, shopping e cene con amici e parenti distolgono dalla propria quotidianità. Insomma, la magia del Natale inizia ufficialmente a contagiare tutti e trovare la motivazione per studiare non è affatto semplice. Ecco allora qualche suggerimento per conciliare lo studio e i momenti di spensieratezza propri delle feste!

Studia in un ambiente silenzioso

Prima di tutto, quando si studia è sempre bene ‘rifugiarsi’ in un ambiente silenzioso, lontano da distrazioni e rumori così da mantenere alta la concentrazione. Per rendere più piacevole lo studio in questo periodo, potreste scegliere di studiare accanto agli addobbi di Natale: calde luci e colori saranno degli ottimi alleati!

Niente tecnologia

Ma un luogo silenzioso non basta per la concentrazione se poi controllate continuamente il vostro smartphone. Perciò, dopo aver scelto il posto migliore per studiare in tutta tranquillità, è bene spegnere qualsiasi strumento tecnologico intorno a voi: smartphone, tablet, televisione, computer, ogni cosa che possa essere fonte di facile distrazione.


Leggi anche: “L’Università non è Netflix, fate sacrifici”: studenti e prof si dividono sulle lezioni registrate


Pianificare lo studio

Organizzare gli argomenti da studiare e il tempo da dedicare ad ognuno durante la giornata aiuta a porsi concretamente dei piccoli obiettivi quotidiani, permettendovi anche di raggiungerli più facilmente. Procedendo in questo modo, riuscirete anche a ritagliarvi del tempo per godervi il clima prenatalizio.

La tecnica del pomodoro

Studiare in modo continuativo per un tempo troppo lungo è controproducente, si sa. In questo modo, infatti, si tende soltanto a sovraccaricare la mente di informazioni, rischiando di far più confusione. Per rendere dunque davvero produttiva una giornata di studio, è meglio suddividere il tempo dedicato allo studio in sessioni di 30 minuti ciascuno, predisponendo alcune piccole pause fra l’una e l’altra. Utile in tal caso la cd. ‘tecnica del pomodoro’: ogni pomodoro rappresenta una sessione di studio della durata di 25-30 minuti a cui segue una piccola pausa di 5 minuti. Il numero ideale di pomodori da totalizzare sono 12, la cui successione intervallata da piccole pause corrisponde a circa 6 ore di studio giornaliere.

Studio e attività ricreative

Per ottenere un buon compromesso tra lo studio e lo svago, è consigliabile studiare durante la mattina e la prima parte del pomeriggio, così da avere tempo libero per il resto della giornata. Una volta raggiunti gli obiettivi quotidiani nello studio, potrete dedicarvi alle attività che più preferite, godendovi appieno l’atmosfera nel Natale!

Fuoricorso sta per laurearsi ma boccia all’ultimo esame, la confessione: “Mi sento inetta”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata