Home

Ha fatto passare un’intera estate allentando i controlli e non preparandosi alla seconda ondata d’autunno. Ha promesso ospedali mai realizzati. Ha fatto lo scaricabarile sul governo. Ha dato la colpa agli immigrati. Ha fatto un’ordinanza, anticipando di un giorno il governo, con il solo scopo di dare a Conte la patata bollente delle chiusure dei locali. 

Ha scaricato la responsabilità sulle scuole. E adesso, dopo che il governo Conte, per dare una scossa psicologica al Paese, ha deciso per la chiusura di cinema e teatri, con i ristoranti chiusi al pubblico dalle 18 (ma aperti per l’asporto e le consegne a domicilio) adesso il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, vuole una deroga per riaprire ristoranti, cinema e teatri.

Il motivo? Da noi la situazione è grave, ma non come in altre Regioni. La dichiarazione di Musumeci, tra l’altro, arriva a poche ore da un’altra, in cui ha detto l’esatto opposto: “Prepariamoci al peggio”. 

“Stasera ho riunito il governo regionale per proporre a Roma una deroga per la Sicilia, in settori come quello dei Beni culturali, quindi teatri, cinema, musei, e dei ristoranti. Quando il dato epidemiologico ci metterà in condizioni di non poter consentire queste attività saremmo i primi a chiudere, ma per adesso perché farlo” ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci intervenendo in Rai stasera a Tg2 Post.

Molti gridano all’incoerenza del Presidente e chiosano che stia soffiando sul fuoco solo per un tornaconto elettorale.

La circolare della Regione

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata