Home

Vendono la lampada col genio come in Aladdin.

In India secondo il Guardian, noto giornale transatlantico, è avvenuta una truffa da ben 75.000 dollari. Un noto dottore indiano Laeek Khan sostiene di essere stato ingannato e raggirato da una coppia che ha anche finto di evocare un genio. In pratica il gatto e la volpe di New Delhi. Incredulo, il dottore, ha deciso di accettare l’offerta.

La voglia di esaudire almeno 3 desideri, che possano cambiare e girare la ruota della propria vita, ha fatto breccia al cuore del cittadino indiano. Il protagonista di questa storia per pochi attimi ha sentito di essere simile ad Aladdin. Sfregiare la lampada e il resto lo avrebbe deciso interamente lui.

Lampada col genio: la scoperta della truffa

Dopo poche ore la truffa è venuta a galla. Laeek Khan si è rivolto alla polizia nello stato settentrionale dell’Uttar Pradesh, denunciando la truffa magica. Infatti, alle autorità, ha raccontato di essersi convinto grazie al paragone con Aladdin e il suo genio, che nel capolavoro Disney esaudisce i desideri grazie al tocco della lampada.

Il comunicato della polizia

“Gli uomini sono stati arrestati giovedì e sono stati incarcerati prima che venissero archiviate le accuse. Anche la moglie di uno di questi uomini è stata coinvolta nella frode. È in fuga”. Lo ha dichiarato il capo della polizia Amit Rai, tremendamente coinvolto nelle ricerche. Khan alle forze dell’ordine indiane ha narrato che uno dei due truffatori si sia finto oculista, mentre un complice si è finto il genio dei desideri. Grazie a questi espedienti, la vittima ha creduto alla salute, ricchezza e fortuna promesse.
Da anni questi due truffatori utilizzano questo modus operandi per raggirare tante famiglie indiane.


Come in Italia e nel mondo, si devono tenere sempre d’occhio le truffe.


Leggi anche:

Reddito di cittadinanza: finalmente a lavoro i beneficiari.

Cosa ci ha tolto il Covid?

Sicilia assunti i medici specializzandi: è intesa tra Regione e Università


Condividi

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata