Home

Come sarà l’estate 2021? È questa la domanda che si pongono sia imprese che normali cittadini, che hanno tanta voglia di staccare la spina per la nuova bella stagione che verrà. Al momento, secondo i numeri riportati, si starebbe per superare il picco della fatidica terza ondata. Proprio per questo motivo si sta pensando a come si potrà sviluppare un eventuale progetto sull’estate 2021.

Ad esempio il Ministro della salute Roberto Speranza, da omen nomen, sembra dare speranza. “Per l’estate sono ottimista. Sono stato sempre quello più duro e realista che era costretto a dire sempre la verità. Ma ora ci sono le ragioni per guardare con più fiducia alle prossime settimane”, ha dichiarato Speranza a Domenica In.

Inoltre tiene a precisare che: “Questo però è ancora un momento difficile. Dobbiamo conservare tutte le precauzioni, ma con il passare delle settimane la situazione andrà gradualmente a migliorare”.


Leggi anche: Netflix assume varie figure professionali: ecco le posizioni aperte e come candidarsi


Come sarà la prossima estate?

Per il medico Bassetti, invece, c’è troppo ottimismo nell’aria. E anche l’estate 2021 costerà dei sacrifici ad ogni singolo cittadino. “Sul fatto di essere fiducioso per l’estate, il ministro Speranza è stato forse troppo ottimista. In questo momento è giusto che il ministro della Salute dia messaggi rassicuranti. Però dal punto di vista operativo l’estate è dietro l’angolo”.

Di diversa opinione, il collega dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, che ad Agorà ha affermato di volere “essere ottimista per l’estate”. Secondo l’infettivologo, però, bisogna ancora mantenere la cautela per le prossime settimane. Ricordando che la terza ondata di Covid “è in marcia, è ripartita e bisogna capire fin dove si è estesa”.

Anche il virologo Fabrizio Pregliasco ritiene che, raggiungendo entro giugno un “20-30% di copertura vaccinale, comprendendo soprattutto i soggetti più anziani e più fragili” l’estate in arrivo potrà essere sicuramente più serena. Al momento mancano solo 3 mesi all’inizio dell’estate e le risposte non sembrano essere univoche da parte degli esperti.


Un mare cristallino con una suggestiva caletta: la bellezza da salvare a due passi da Palermo- VIDEO


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata