Home

Più di 70 docenti, tra cui Andrea Piraino, Mario Enea, Claudio Leto, Giovanna Bruno, Carmelo Sunseri, Valeria Militello, Virgilio Caleca, Stefano Barone, Gianfranco Lovison, Giulio Ghersi e Alberto Lombardo, hanno firmato un documento che ribadisce il carattere laico e pluralistico dell’Università e chiede a Fabrizio Micari di dimettersi da rettore per far venir meno la situazione di disagio che la sua scelta di candidarsi a presidente della Regione Siciliana crea all’interno dell’Ateneo.

C’è un riferimento anche all’e-mail interna contro cui si era scagliato Claudio Fava qualche giorno fa inviata da Micari, attualmente in congedo, ai docenti, dottorandi, ricercatori e personale tecnico amministrativo di Unipa.

I firmatari scrivono che se Micari tornasse a sedere allo teri dopo le elezioni, in caso di non elezione, non potrebbe più garantire il proseguimento delle finalità di terzietà dell’Ateneo.

Almeno due consigli di dipartimento hanno discusso e messo a verbale il disagio per la candidatura e altri se ne dovrebbero aggiungere nei prossimi giorni. Anche in Consiglio d’Amministrazione potrebbe giungere una interrogazione sull’e-mail inviata.

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

1 risposta

  1. Avatar
    Giovanni

    l’Universita’ statale di Palermo, nel momento in cui crea un precedente delicatissimo con la candidatura del rettore in carica, ha il dovere di creare un dispositivo idoneo a neutralizzare il precedente creato, e salvaguardare l’essenza delle Universita’ statali di Tutta la Nazione!
    Una procedura di blindatura istituzionale con esercizio sostitutivo temporaneo dei poteri, si deve attivare e applicare con decretazione d’urgenza.
    l’Universita’ , essendo una istituzione statale della Repubblica di esercizio della didattica e della ricerca, non si deve limitare a creare precedenti e a criticare i precedenti creati, ma studiare rimedi che ne neutralizzano gli effetti qualora potenzialmente lesivi.
    L’Universita’ deve dare un apporto costruttivo alla Repubblica e alla collettivita’ e non creare occasioni di scontro e di conflitti!

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata