Home

La Sardegna brucia da ormai oltre 60 ore, devastando le campagne nella zona di Oristano. Centinaia gli abitanti che sono stati costretti ad abbandonare le loro abitazioni per paura che le fiamme possano raggiungerle.

 “Solidarietà al popolo sardo”

«Le notizie e le immagini che arrivano dalla Sardegna sono drammatiche. Chi incendia la propria terra, cancella storia, identità, vita. Lo dico da governatore di un’Isola aggredita, ogni estate e fino ad oggi, da questi criminali che meritano il carcere a vita. Vicinanza e solidarietà al collega Christian Solinas e al popolo sardo». Così ha dichiarato il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, mostrando piena vicinanza agli amici isolani.


Leggi anche: La Riserva dello Zingaro rinasce dalle sue ceneri: dopo l’incendio di agosto riapre ai turisti – FOTO


Sardegna: arrivano i canadair da Francia e Grecia

Intanto, i Vigili del Fuoco continuano a far arrivare uomini e mezzi sul territorio. Lo stormo di Canadair impiegato nelle operazioni è stato potenziato con altri quattro aerei: due provenienti dalla Grecia e due dalla Francia. Al momento sono dieci le squadre impegnate nei fronti dove si sta espandendo il fuoco. In campo anche gli elicotteri del Reparto Volo di Sassari e quelli del servizio Aib regionale. Il governatore dell’Isola ha dichiarato questa mattina lo stato di emergenza.

Roghi anche in Sicilia

Gli incendi devastano anche l’altra grande Isola d’Italia, la nostra. Ad Erice (Trapani) un vasto incendio sta divorando il verde sul lato Nord della montagna, provocando danni ingenti. Altri roghi vengono segnalati in Sicilia nei monti Sicani e ad Alcamo nel Trapanese. Mentre nella zona dell’Agrigentino, è tuttora in corso un vasto incendio che da ieri sta interessando una vasta area del “Bosco dei Sicani”, uno dei più grandi polmoni verdi dell’Isola con la sua distesa di quasi 6 mila ettari.

Referendum eutanasia legale, il tour siciliano per la raccolta firme inizia da Palermo

Sicilia: a Gela il sindaco chiederà green pass agli assessori

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata