Home

In occasione della Festa della Donna, lunedì 8 marzo, si allargono le attività sulla prevenzione femminile sanitaria nel palermitano. In particolare nei vari centri Asp di Palermo e province si effettuerà il Pap Test e le mammografie a chiunque lo verrà.

L’iniziativa sarà rivolta a tutti i 17 Consultori familiari per le donne tra i 25 e 64 anni. L’azienda sanitaria inoltre spiega: “L’accesso avviene senza necessità della prescrizione medica. Si consiglia di telefonare per concordare l’orario del Pap Test. Ma gli operatori dell’Azienda sanitaria sono pronti ad accogliere anche le donne, che si recheranno direttamente in una delle strutture dedicate“.

E specificano: “Tutte le prestazioni, sia mammografie che pap test, vengono effettuate nel pieno rispetto delle misure di prevenzione dalla pandemia, ad iniziare dalla sanificazione di ambienti ed apparecchiature tra un esame e l’altro”. Le operazioni per l’8 marzo seguiranno tutte le norme contro il contagio da Covid-19.

Dove e come fare il Pap Test gratuito

Sulla nota dell’Asp di Palermo inoltre: “Si ricorda che l’Asp di Palermo ha anche organizzato per l’8 marzo a Castellana Sicula la prima tappa dello screening itinerante. A bordo del camper in piazza San Francesco di Paola, le donne di età compresa tra 50 e 69 anni avranno la possibilità di effettuare gratuitamente la mammografia. L’equipe di medici, tecnici e personale amministrativo dell’Azienda sanitaria garantirà il servizio, ininterrottamente, dalle 9 alle 16”.

Tutte queste visite non avranno bisogno di ricette: “Anche in questo caso l’accesso è diretto e senza la necessità della ricetta medica“.

Inoltre come è possibile vedere dalla foto i Consultori palermitani in cui sarà possibile fare il Pap Test, per le donne dai 25 ai 64 anni, sono sparsi per la città. Cruillas, Boccadifalco, Cesalpino, Settecannoli, Oreto , Villabate, Zen, Arenella e tanti altri.


Miccichè e il vaccino ai dipendenti dell’Ars, Pif: “Magari iniziamo da chi inizia con ‘Micc’”(VIDEO)


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata